Vai al contenuto

“Un altro angelo volato via troppo presto”. A 19 anni un malore la porta via nel sonno. L’intera comunità in lutto

Pubblicato il 22/11/2022 20:29 - Aggiornato il 22/11/2022 20:38

A nemmeno un giorno di distanza dalla morte Benedetta Quadrozzi, la diciottenne originaria di Alatri, Frosinone, colpita da un grave malore mentre giocava a tennis nel pomeriggio di giovedì scorso e poi deceduta nel pomeriggio di ieri, un altro terribile lutto sconvolge l’intera comunità di una cittadina italiana. Secondo quanto riporta sardegnalive.net, Francesca Corda, anche lei giovanissima di soli 19 anni, sarebbe stata trovata senza vita dalle due coinquiline. La ragazza di Alà dei Sardi era tornata in città per gli studi ieri mattina.
(Continua a leggere dopo la foto)

Francesca studiava a Sassari e frequentava il primo anno di università nella facoltà di Lettere. Secondo le prime ricostruzioni, le amiche avrebbero provato a bussare alla sua porta verso l’ora di pranzo, senza però ricevere alcuna risposta. Trascorso un po’ di tempo le due coinquiline avrebbero tentato nuovamente di chiamarla, ma non ricevendo alcun segno dalla camera chiusa avrebbero preso la decisione di entrare nella camera della diciottenne. A quel punto l’amarissima sorpresa: Francesca è stata trovata esanime nel suo letto.
(Continua a leggere dopo la foto)

Una tragedia che ha colpito profondamente la comunità di Alà dei Sardi. “Con immenso dolore Il Sindaco, gli Amministratori e tutta la Comunità di Alà dei Sardi è vicina alla famiglia di Francesca, non abbiamo parole che possano alleviare il dolore dei familiari per una morte così assurda di una diciannovenne”, si legge sulla pagina Facebook del Comune. Non si contano i messaggi di cordoglio per Francesca, così come gli altrettanti attestati di vicinanza rivolti alla famiglia. “Non ci sono parole per una morte così assurda. Sarai sempre dolce Francesca nei miei ricordi più belli. Sentite condoglianze a tutta la famiglia”; “Un altro angelo volato via troppo presto. Francesca e da lassù prega per i tuoi genitori e tuo fratello. Un dolore troppo grande”; “Nessuna madre dovrebbe provare questo immenso dolore. Che Dio vi dia la forza di affrontare questa tragedia”. Ancora una volta, con estremo dolore, ci troviamo a fare le condoglianze alla famiglia.

Potrebbe interessarti anche: «Sono malati di mente». La “prescrizione” per i non vaccinati indigna la comunità internazionale