x

x

Vai al contenuto

“Non sono sicuri, lo dice un giudice”. La domanda in diretta gela Speranza e le facce dei conduttori… (VIDEO imperdibile)

Pubblicato il 15/07/2022 12:13

Imbarazzo evidente, tangibile. Con il ministro della Salute Roberto Speranza a cercare di continuare a recitare la solita parte, quella di strenuo difensore dei vaccini e delle restrizioni anti-Covid. E con Concita De Gregorio che, dopo aver rivolto una domanda all’onorevole ospite del programma In Onda, dev’essersi probabilmente subito pentita, consapevole della frittata combinata in diretta. Un siparietto che non è passato inosservato agli occhi degli spettatori, che hanno reso subito virale la clip.

“Ha visto la sentenza del Tribunale di Firenze che ha reintegrato la psicologa che era stata sospesa dall’Ordine perché non vaccinata? – ha chiesto De Gregorio a Speranza – La motivazione della sentenza è stata che gli effetti dei vaccini, ad oggi, non sono prevedibili per la vita e la salute”. Una domanda probabilmente inaspettata per il ministro, che si è trovato in imbarazzo mentre scorrevano i titoli dei giornali che mostravano l’evoluzione della vicenda.

“Di solito per cultura politica e formazione sono molto rispettoso del lavoro dei magistrati – ha replicato Speranza – però questa sentenza è sinceramente irricevibile e priva di ogni evidenza scientifica, in contrasto con tutte le indicazioni della comunità scientifica internazionale. Una sentenza di cui sinceramente dobbiamo vergognarci”.

Una presa di posizione, quella di Speranza, dettata probabilmente dal nervosismo. E che ha ovviamente scatenato repliche feroci da parte degli utenti: “Possibile che un ministro dica a dei giudici di vergognarsi soltanto perché non convidive una sentenza?” si è chiesto un utente. Un altro ha invece sottolineato come “Speranza parla di prove scientifiche a difesa dei vaccini, proprio mentre in tutto il mondo gli esperti si interrogano invece sugli effetti rischi e sull’opportunità di ulteriori

Ti potrebbe interessare anche: “In arrivo la sesta ondata”. Gli ipervaccinati di Israele lanciano l’allarme: e da noi c’è chi si sfrega già le mani