in

Galli, Capua, Bassetti, Crisanti: i virologi vip ora sognano un ministero nel governo Draghi

Sono diventati, con l’esplosione della pandemia, le voci più ascoltate dai cittadini di tutto il mondo. Onnipresenti in radio, nei talk show televisivi, sulle pagine dei giornali, a fornire ricette da seguire per vincere la difficile battaglia contro il Covid-19. Una vera e propria “era dei virologi”, eletti a punto di riferimento da politici ed economisti. E ora a caccia di un posto al sole nel governo nascente guidato da Mario Draghi, l’uomo scelto dall’Europa per legare totalmente l’Italia ai suoi diktat. Con nomi che, in pieno totoministri, si rincorrono ormai da settimane.

Galli, Capua, Bassetti, Crisanti: i virologi vip ora sognano un ministero nel governo Draghi

Lo scacchiere politico attuale, d’altronde, vede in posizione pericolante il ministro della Salute Roberto Speranza, che il Movimento 5S ha tentato di blindare in ogni modo ma che alla fine sarà probabilmente costretto a lasciare la poltrona. Un forfait che apre a soluzioni importanti, tutte o quasi provenienti proprio dal mondo della scienza: Andrea Crisanti, Fabrizio Pregliasco, Massimo Galli, Ilaria Capua, Matteo Bassetti, Alessandra Viola. Nomi caldi rimbalzati di testata in testata, a certificare il peso ormai assunto dai virologi nostrani.

Galli, Capua, Bassetti, Crisanti: i virologi vip ora sognano un ministero nel governo Draghi

Lo stesso Bassetti, in queste ore, ha d’altronde dettato la linea a Draghi, invocando la nascita di un governo “di esperti o come è stato definito il governo dei migliori”. E benedicendo la scelta dell’ex presidente Bce come futuro premier: “Il professor Draghi penso che sia la miglior figura che il paese potesse esprimere. Mi auguro che nei dicasteri più significativi possano affiancarsi tecnici e politici”. Per poi specificare: “Spero in un governo più di tecnici e di chi sa già e ha imparato sul campo come portare un servizio al proprio Paese”.

Ti potrebbe interessare anche: E il virologo si fece politico: Lopalco nominato assessore alla Sanità in Puglia

Galli, Capua, Bassetti, Crisanti: i virologi vip ora sognano un ministero nel governo Draghi

Insomma, i virologi ormai sono diventati veri e propri vip, pronti a intervenire in ogni dibattito, anche quando il focus si sposta dal mondo della salute a quello della politica. Potendo beneficiare di una benevolenza assoluta: nessuno chiede loro conto, per esempio, dei tanti errori commessi nella gestione della pandemia anche a causa delle previsioni sbagliate degli esperti. Senza gettare la croce addosso a nessuno, le contraddizioni che si sono susseguite col passare dei mesi da parte dei virologi sono innumerevoli, impossibili da riepilogare in maniera esaustiva.

Per non parlare, poi, della gestione delle misure restrittive. Con alcuni virologi a invocare fin da subito un pugno durissimo, nonostante fosse ormai palese come il governo non fosse in grado di aiutare le famiglie costrette a rinunciare al lavoro. Alla fine, però, i virologi sono riusciti a mantenere più o meno intaccata la loro aura sacrale. E ora, con un ministero della Giustizia da assegnare, in parecchi ci stanno facendo probabilmente un pensiero.

Ti potrebbe interessare anche: Baci, sesso e bombole del gas. Da Cotticelli a Zuccatelli. Dalla padella alla brace

La massoneria tifa Draghi: “Perché è un bene il suo governo. Poi Mario andrà al Quirinale”

Grillo si è “scordato” di dire che la transizione ecologica esiste già. E sta al Ministero dell’Ambiente