Vai al contenuto

Allarme antibiotico: “Sindromi gravi: già 1000 danneggiati in Italia”. Qual è e cosa può causare

Pubblicato il 30/03/2023 17:26
fluorochinoloni allarme antibiotico

C’è una categoria di antibiotico che sta letteralmente terrorizzando mezzo mondo, e l’Italia è tra questi. È l’allarme fluorochinoloni. Per capire la portata del problema, riportiamo le parole che il dottor Enzo Soresi, già pneumologo ed oncologo presso l’ospedale di Niguarda, ora ricercatore di medicina integrata e neuroscienze, ha rilasciato ad Affari Italiani: “I danneggiati in Italia sono di molto superiori al migliaio, hanno fra i 25 e i 50 anni e pagano un danno mitocondriale (i mitodondri sono piccoli organuli che stanno nelle cellule e sono fondamentali per la produzione di energia e la salute di tutto l’organismo, ndr)”. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Vietato vendere e affittare le case”. Follia Europa: ecco la nuova direttiva e da quando scatta il blocco
>>> Confezioni dei farmaci, nascosti gli effetti collaterali. La rivoluzione targata Europa che piace a Big Farma

La ricercatrice Beatrice Golomb dell’Università di San Diego della California già anni fa aveva evidenziato il danno mitocondriale come conseguenza di questo antibiotico. L’allarme fluorochinoloni, una categoria di antibiotici portatori di effetti avversi e disturbi psichiatrici e sensoriali, è molto serio. La FDA americana, l’ente governativo che regola i prodotti alimentari e farmaceutici, già 8 anni fa aveva invece sollevato la questione dopo aver riconosciuto oltre 60mila pazienti come danneggiati da questo antibiotico fra gli anni ’80 e il 2015. Proprio nel 2015 la FDA, sulla base di altri 178 casi gravi, riconosceva l’esistenza di una sindrome definita FQAD (Fluoro Quinolones Associated Disability) collegata a chi assumeva fluorochinoloni. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Ecco cos’ha davvero Papa Francesco”. La verità sulle condizioni del pontefice dopo il ricovero al Gemelli

Ora, l’allarme fluorochinoloni riemerge più forte che mai, tanto che le persone danneggiate da questo antibiotico hanno addirittura un nome: “floxate”, cioè danneggiate da fluorochinolonici. Lo stesso Soresi riferisce: “Una paziente a cui era stato prescritto un antibiotico di questa categoria dopo una polmonite si sentiva stanca e debilitata, faticava a camminare ed era afflitta da confusione mentale. Negli anziani questa categoria di antibiotici può causare rottura del tendine di Achille e problemi neurologici. A una delle ultime pazienti che mi hanno chiesto aiuto era stata diagnosticata una fibromialgia e un mese prima era stata prescritta la levofloxacina”. Ma quali sono gli antibiotici in commercio della categoria fluorochinoloni? (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Casa, l’Europa ci dissangua. Ecco gli obblighi di ristrutturazione imposti dall’Ue: scadenze, sanzioni, esenzioni

fluorochinoloni allarme antibiotico

I fluorochinoloni in commercio

I principi attivi appartenenti al gruppo dei fluorochinoloni sono molti, fra quelli attivi tuttora utilizzati ricordiamo: la ciprofloxacina (somministrazione per via orale, parenterale, auricolare e oculare); la levofloxacina (somministrazione per via orale, parenterale, inalatoria e oculare); l’ofloxacina (somministrazione per via orale, parenterale e oculare); la moxifloxacina (somministrazione per via orale e oculare); la norfloxacina (somministrazione per via orale e oculare); la pefloxacina (somministrazione per via orale); la lomefloxacina (somministrazione per via orale); la prulifloxacina (somministrazione per via orale).

Ti potrebbe interessare anche: Casa, l’Europa ci dissangua. Ecco gli obblighi di ristrutturazione imposti dall’Ue: scadenze, sanzioni, esenzioni