Vai al contenuto

“Vietato vendere e affittare le case”. Follia Europa: ecco la nuova direttiva e da quando scatta il blocco

Pubblicato il 28/03/2023 09:02
case green divieto vendita affitto

Questa delle Case Green volute dall’Europa è l’ennesima fregatura che danneggia il nostro Paese. Abbiamo già raccontato in diversi articoli quanto la direttiva sia dannosa per gli italiani. Ora andiamo a concentrarci sull’assurdo divieto di vendita e affitto che affosserà inevitabilmente il mercato immobiliare italiano. Ma cosa si intende con questo divieto? All’inizio era stato detto che le regole sull’efficientamento energetico che renderebbero le case “green” non avrebbero previsto l’impossibilità di affittare e vendere un appartamento non in regola con i folli diktat europei. Invece, come accade sempre con l’Ue, vera piaga sociale ed economica del nostro Paese, il Parlamento Europeo ha poi approvato una norma differente. E cosa c’è dentro? Una brutta, bruttissima sorpresa. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Comprare o affittare? Uno studio spiega come fare “scientificamente” la scelta giusta
>>> “Tre milioni di immobili esentati”. Case, ecco chi non dovrà ristrutturare secondo la direttiva Ue

La direttiva Case Green, infatti, contiene esplicitamente una prescrizione che impone un divieto – dal 2030 – di affitto e vendita degli immobili “non a norma con le classi energetiche“. Questo vuol dire che i proprietari degli immobili se non attuano tutti i criteri dell’efficientamento energetico – sborsando fior di quattrini – non potranno poi procedere all’affitto o alla vendita di quell’immobile. È nero su bianco. Un modo, insomma, per imporre questo tipo di ristrutturazioni. E in Italia questo è un bel problema visto che gli appartamenti non sono per la maggior parte in regola con i nuovi dettami. I costi di efficientamento possono andare dai 30 ai 60 mila euro per ogni appartamento e molte famiglie non hanno questa disponibilità. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Tre milioni di immobili esentati”. Case, ecco chi non dovrà ristrutturare secondo la direttiva Ue

Anzi, vista la crisi che morde – frutto anche questa delle scellerate scelte europee nella gestione del Covid prima e della guerra in Ucraina poi – vedono proprio nella vendita degli immobili un modo per riappianare i conti. E invece no, non si potrà fare. Prima paghi 60mila euro per rendere la tua casa green, poi la vendi. A quanto? Al prezzo stimato o al prezzo stimato più i 60mila euro che hai dovuto sborsare per l’efficientamento energetico? Ma attenzione, perché questa direttiva sulle case green ha anche un altro gigantesco problema: rischia infatti di bloccare l’erogazione dei mutui, facendo di fatto saltare il mercato immobiliare. Non contenta, l’Europa ha previsto poi ulteriori step di efficientamento energetico nel 2033 e negli anni seguenti sino ad arrivare alla classe A nel 2050. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Banche italiane in crisi per colpa delle case Green”. La trappola dell’Europa per rubare i nostri risparmi

case green divieto vendita affitto

Dal 2025 mercato immobiliare in tilt

Come sottolinea I love Trading, “la previsione degli esperti è che da qui al 2030 il mercato sarà congestionato dagli immobili in vendita. I proprietari cercheranno di disfarsi degli appartamenti prima della scadenza europea e dovranno venderli a prezzo ribassato”. Il 2030 sembra lontanissimo, ma è in realtà dietro l’angolo, visto che già nel 2025 la direttiva sulle case green dovrebbe essere recepita nell’ordinamento italiano. Da quel momento in poi il mercato immobiliare impazzirà, con l’aggravante che le banche non concederanno mutui agli acquirenti su case il cui valore è deprezzato dalla necessità di lavori costosi e obbligatori. Grazie Europa.

Ti potrebbe interessare anche: Banche, allarme in Europa. Crollano le borse. Ecco il colosso destinato a cadere