Vai al contenuto

“Caro direttore, le racconto i miei effetti avversi”. La lettera da brividi di un 52enne alla sua Asl

Pubblicato il 16/03/2023 11:53 - Aggiornato il 31/03/2023 15:46
Carlo Colombo effetti avversi

Carlo Colombo è un 52enne modenese vittima – come tanti altri cittadini italiani – di una serie di effetti avversi provocati da due dosi di vaccino Pfizer. Colombo ha deciso dunque di scrivere una lettera direttore Generale Asl di Modena per raccontargli la sua storia dopo che nella mattinata del 15 marzo è tornato sul “luogo del delitto” per fare delle analisi e tutto gli è tornato alla mente. Alla sola vista dell’hub vaccinale di via Minutara, a Modena, a Carlo sono venuti i brividi. Quindi ha preso carta e penna e ha scritto una lettera al direttore della Asl che qui riproponiamo, dopo averla letta su LaPressa.it: ” Non sono un cittadino qualunque ma un cittadino di serie B, uno di quelli sacrificabili per la sperimentazione e per il bene comune. Peccato che da quel giorno in cui sono stato obbligato contro la mia volontà a sottopormi a una sperimentazione di massa, la mia vita sia cambiata per sempre“. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Le ricoprono di soldi e lo chiamano atto d’amore”. Belpietro asfalta la sinistra sull’utero in affitto
>>> “L’Aifa non conferma né smentisce”. La Verità contro l’Agenzia: “Cosa ci hanno risposto sui vaccini”

Scrive Carlo Colombo nella sua lettera dopo aver subito gravi effetti avversi provocati dal vaccino: “Ora pago io, psicologicamente, fisicamente e in termini materiali tutte le infinite analisi e continui controlli anche molto invasivi a cui sono costretto a sottopormi. Il mio medico, che era un fermo pro vax ora non mi guarda negli occhi, guarda i referti e dice: ‘Eh, è uno dei tanti, pensi che ho avuto anche dei decessi…’. Cavolo quindi sono fortunato… Tutto questo era per dirle che ora che i dati li avete e che conoscete che danni avete fatto mi vergognerei per non aver abbandonato quel posto. Eppure il laboratorio è ancora in piedi, oltretutto con l’accesso che segue la stessa procedura, in fila tra i nastri che guidano il percorso, ancora con la stessa mascherina che doveva salvare…”. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Ha solo protetto la sua salute”. La storica sentenza che smonta l’obbligo vaccinale di Draghi e Speranza

Colombo: “Avete seguito la politica invece che la scienza”

Conclude la sua lettera Carlo Colombo: “Per ciò che rappresenta fuggirei il più lontano possibile da quel luogo, fa ancora venire i brividi. È aberrante ciò che è avvenuto e la leggerezza con cui state prese le decisioni, considerando le conseguenze. So che non mi risponderà e se pure lo facesse non mi interessa, le sue personali scuse non mi importano. Chi ha seguito la politica invece della scienza, senza porvi la benché minima domanda e fidandosi ciecamente delle case farmaceutiche ben sapendo che era tutto improvvisato, per me è e resta responsabile“. Carlo Colombo, che si è firmato come “uno dei tanti cittadini di serie B”, dopo le 2 dosi Pfizer ha avuto gravi effetti avversi. (Continua a leggere dopo la foto)

Carlo Colombo racconta degli effetti reali subiti subito dopo la vaccinazione e con cui ha dovuto convivere per 6 mesi: “Aritmia cardiaca, insufficienza epatica, insufficienza renale e un principio di parestesie”. Ora, fortunatamente, sono spariti i principi di parestesie e (pare) i problemi cardiaci, almeno per quanto riguarda le aritmie. Racconta Colombo: “Permane uno stato di costante infiammazione degli organi tra cui spicca insufficienza renale, periodi di stati febbrili apparentemente ingiustificati poiché non vengono rilevati virus o infezioni, grosse fitte muscolari a livello dello sterno, stato di affaticamento e periodi con ingrossamento dei linfonodi del collo”. (Continua a leggere dopo la foto)

Conclude amaramente Carlo Colombo: “Sono tuttora sotto ‘sorveglianza’ e sto eseguendo molti e ulteriori accertamenti per cercare le cause anche se pare siano molto difficili da individuare. Mediamente vedo ancora molto scetticismo da parte dei medici che tendono ad attribuire tutto ciò che non sanno giustificare a sindromi nervose del paziente. Tutto molto sconfortante e paradossale”. A Carlo vanno i nostri migliori auguri e la vicinanza per la sua battaglia.

Ti potrebbe interessare anche: “Reazione a catena, altre 5 banche a rischio”. Dopo il crollo della borsa, ecco quali istituti tremano