in

“Buffone, assassino”: fischi e insulti contro il ministro, una contestazione durissima. Il video

Pubblicato il 15/06/2022 10:02

La rabbia degli italiani è esplosa contro il ministro della Salute Roberto Speranza, l’uomo che più di tutti ha incarnato negli ultimi mesi le scelte di governi che continuano a privare i cittadini delle proprie libertà, impedendo loro di tornare alla vita di sempre come invece accade in altri Paesi. E che nel corso della pandemia si sono macchiati di evidenti errori, come dimostrato dalle indagini che la Procura di Bergamo continua a portare avanti. E così la partecipazione di Speranza agli Stati Generali della Salute in Toscana si è trasformata in una dura contestazione.

Speranza nelle scorse ore si è recato a Firenze per partecipare al convegno, in programma nel cinema teatro La Compagnia e che avrebbe visto tra i partecipanti anche il presidente della Regione Eugenio Giani, l’assessore alla Salute Simone Bezzini e Serena Spinelli, assessore alle Politiche sociali. Al momento di scendere dall’auto, però, il ministro ha trovato ad accoglierlo una folla non proprio ben disposta nei suoi confronti, per usare un eufemismo.

Alcuni manifestanti hanno infatti organizzato una manifestazione al di fuori del teatro, accogliendo Speranza con fischi e parole tutt’altro che benevole. Nei video che hanno subito iniziato a circolare in rete, si sente chiaramente la folla gridare “Buffone”, “Assassino”, mentre il ministro finge di non accorgersi di quanto sta accadendo alle sue spalle e tira dritto, infilandosi in fretta e furia all’interno del teatro.

I manifestanti sono stati successivamente fatti allontanare dalle forze dell’ordine ma hanno deciso di non demordere: invece di disperdersi, hanno infatti organizzato un presidio nella vicina piazza San Marco. Qui, come evidente sempre dai filmati condivisi da tanti utenti sui social, sono proseguite le proteste contro Speranza e contro la gestione di un’emergenza combattuta sempre e soltanto calpestando i diritti degli italiani.

Ti potrebbe interessare anche: “Distrubi dell’apprendimento e disagi”: le conseguenze delle scelte di Draghi e Speranza sui ragazzi italiani

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

La Russia taglia del 40% i flussi di gas all’Europa: Ue e Italia totalmente impreparate. Le conseguenze choc

Obbligo di mascherine, la decisione del governo: cosa cambia a partire dal 16 giugno nelle scuole e sui mezzi pubblici