x

x

Vai al contenuto

“Sono nazisti!” La scrittrice Bompiani a ruota libera: parole choc a L’Aria che Tira (VIDEO)

Pubblicato il 19/04/2023 14:47

Un tema che continua a far discutere, quello dell’improvviso boom di sbarchi che ha spinto il governo a dichiarare lo stato di emergenza. Con le parole del ministro Francesco Lollobrigida, che ha paventato l’ipotesi di una “sostituzione etnica”, che hanno spaccato a metà il mondo della politica. Un argomento che ha tenuto banco anche durante l’ultima puntata del programma L’Aria che Tira in onda su La7, durante la quale la scrittrice Ginevra Bompiani, figlia del fondatore della celebre casa editrice, non ha risparmiato un durissimo attacco al governo Meloni. Con parole che hanno scatenato gli utenti sui social: “Sento dire che alcuni esponenti del governo sono fascisti. Non sono fascisti, sono nazisti. Se hanno simpatie non sono solo per il vecchio fascismo ma per il nuovo nazismo”. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Mattarella e Meloni, due pesi e due misure”. Belpietro contro la stampa di sinistra: “E lo chiamano giornalismo…”
>>> “Stato d’emergenza? L’elettore di Giorgia Meloni…”. Mario Giordano, che stoccata al governo! IL VIDEO

Con riferimento all’espressione “sostituzione etnica”, infatti, Bompiani ha tuonato: “È un’idea nazista, non dico che i fascisti non fossero d’accordo ma la sostituzione etnica è un’idea nazista. Ed è l’anticamera della pulizia etnica”. Chi è al governo, a suo dire, “ha dimostrato simpatie non solo per il vecchio fascismo, ma anche per il nuovo nazismo. Le parole di Lollobrigida sono da nazista”. Trovate qui il video integrale della puntata (l’intervento di Bompiani inizia a partire dal minuto 1.08.50)(Continua a leggere dopo la foto)

“Il governo Meloni si rivolge al maschio, bianco, etero e cattolico. Al suprematista bianco” ha poi puntualizzato la scrittrice, secondo la quale le dichiarazioni della premier che ha chiarito la posizione del governo su migranti e lavoro “sono tutte balle”.

A replicare in diretta a Bompiani è stato l’ex ministro leghista Roberto Castelli: “Ho scoperto di essere un nazista”. “Meglio tardi che mai” ha replicato la scrittrice. A quel punto, l’esponente della Lega ha precisato: “Nazista per me è un insulto sanguinoso, mi sentirei autorizzato a rispondere a mia volta con un insulto ma è una vecchia signora…”. La difesa di Bompiani? “Non le ho rivolto insulti né parlavo di lei. Parlavo di Lollobrigida e Meloni, non sapevo che l’avrebbe ripetuta anche lei…”.

Ti potrebbe interessare anche: “Conferma del legame”. Eventi avversi, cosa è stato scoperto sui lotti Pfizer: lo studio