in

Da un piccolo negozio a 15 ipermercati. La storia di Tosano, chi ce la fa nonostante tutto

Ci sono storie di italiani incredibili. E quella del Gruppo Tosano è una di queste. Cinquant’anni fa era un piccolo supermercato nel cuore di Cerea, oggi si parla di una catena che conta 15 ipermercati a gestione diretta, 3mila dipendenti e oltre 40mila referenze. Questa è l’eccellenza che ci piace, fatta di storia, sacrificio, fatica, coraggio, passione e qualità. Anerio Tosano, infatti, per tutti questi motivi ha ricevuto il premio Domus Mercatorum dalla Camera di Commercio di Verona. Lo ha raccontato L’Arena.

“La consegna è avvenuta alla fine della cerimonia per la 42esima edizione del premio Fedeltà al Lavoro”, in cui sono stati sottolineati l’impegno, la visione del futuro e la complessità di fare impresa in questo periodo storico. “La congiuntura è altalenante; riflette incertezze internazionali e comporta rischi per il nostro sistema. Lo sviluppo possono crearlo solo le imprese, se si ricrea nuovamente un ambiente economico ospitale, dai tempi burocratici snelli”. Ma dietro alla strategie, al saper fare impresa e ai numeri, ci sono i valori.

Quelli che Tosano ha saputo trasmettere anche dal palco del centro congressi dove è salito per ricevere il premio. “Lo voglio dividere con la mia famiglia”, ha detto circondato dalla moglie e dai figli Andrea e Filippo “e da Elisabetta, che ci guida da lassù. Abbiamo fatto una scelta ardita cinquant’anni fa, aprendo un supermercato innovativo. Da allora abbiamo costruito un grande successo”. Un premio meritato, dunque, e che testimonia come c’è chi riesce a raggiungere grandi risultati nonostante tutto. Nonostante quest’Italia che sembra troppo spesso frenare gli imprenditori e che tra tasse e burocrazia non aiuta ma complica.

Ti potrebbe interessare anche: Mutui, in Italia per i giovani sono un tabù: e se vi chiedete perché, fareste bene a guardare alle banche

Mutui, in Italia per i giovani sono un tabù: e se vi chiedete perché, fareste bene a guardare alle banche

Le Sardine sono già finite: a Napoli un pugno di persone e tante contestazioni. Che flop