in

“La prego cambi dottore”: il medico piange davanti al paziente. A cosa ci hanno portato Draghi e Speranza

Pubblicato il 20/07/2022 14:08

Un paziente che chiede al medico di poter essere esentata dalla vaccinazione. Sostenendo che, in caso contrario, debba essere il dottore ad assumersi le responsabilità di averla costretta, di fatto, all’inoculazione. E lui, l’uomo in camice bianco, che improvvisamente scoppia a piangere, disperato, chiedendo alla donna di rivolgersi a qualcun altro, di cambiare addirittura medico. Una scena assurda, incredibile. Eppure terribilmente concreta, reale, nell’Italia di Mario Draghi e Roberto Speranza, dove il ricatto a danno dei cittadini è purtroppo ormai triste abitudine.

In un video pubblicato su Twitter, con le voci dei protagonisti leggermente modificate per impedire che vengano riconosciuti, si sente chiaramente l’agghiacciante scambio di battute. Una clip che ha fatto il giro della rete in pochi istanti, tra i commenti allibiti degli utenti. La sequenza inizia con la paziente che chiede al medico di decidere “in scienza e coscienza” se deve sottoporsi necessariamente alla vaccinazione: “Escludi che io possa avere effetti collaterali?”.

Di fronte alle titubanze del medico la donne insiste: “Il medico si deve assumere la responsabilità”. A quel punto, i nervi del dottore cedono: “Guarda per favore cambia dottore, fammi questa cortesa. Io non riesco a dormire la notte. Mi metto in ginocchio, te lo chiedo per favore”. Il tutto con la voce sempre più rottta, in lacrime.

“Io non ce la faccio più, non sto bene” conclude il dottore, disperato. Tanti i commenti di altri pazienti che, da ogni parte d’Italia, hanno raccontato a loro volta episodi simili: “Anche la mia dottoressa mi ha chiesto di cambiare medico”, “denunciare”, “viene da vomitare”. Una rabbia dilagante in tutto il Paese, con tanti internauti a puntare il dito contro Speranza e agli esponenti del governo: “Andrebbero arrestati tutti”.

Ti potrebbe interessare anche: “In arrivo la sesta ondata”. Gli ipervaccinati di Israele lanciano l’allarme: e da noi c’è chi si sfrega già le mani

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“Per noi clochard ha fatto molto”. La claque organizzata in sostegno di Draghi diventa farsa

“Gli infermieri fanno lo slalom per attaccarci alle flebo”. Caldo, infarti e gastroenteriti, la sanità ai tempi di Big Pharma