in

Le condizioni di Zelensky per la pace: ecco cosa chiede a Putin

Pubblicato il 09/03/2022 11:49

Si apre uno spiraglio nella guerra in Ucraina. Il presidente Volodymyr Zelensky, in un’intervista al network americano Abc, lancia quella che viene letta dai più come una proposta di compromesso a Putin su alcune delle richieste di Mosca per fermare la guerra d’invasione. Per Zelensky, su Crimea e Donbass con la Russia “possiamo discutere e trovare un compromesso su come continuare a vivere”, ma l’Ucraina non accetterà un ultimatum dal Cremlino. Il presidente ucraino punta a una proposta di compromesso e non a una resa, come ha più volte sottolineato, escludendo comunque il riconoscimento delle due autoproclamate repubbliche di Donetsk e Luhansk e l’annessione della Penisola sul Mar Nero alla Russia. Su cosa potrebbero convergere dunque? (Continua a leggere dopo la foto)

“Se parliamo di territori temporaneamente occupati e repubbliche non riconosciute da nessuno”, ha detto Zelensky, rispondendo a una domanda sulla richiesta russa di riconoscere la Crimea come russa e il Donbass indipendente, “possiamo discutere e trovare un compromesso”. E qui veniamo alla seconda richiesta: “Per me è importante sapere come la gente che vuole essere parte dell’Ucraina vivrà in quei territori”, ha detto, chiedendo “garanzie di sicurezza”. E poi: “È questione più complicata di riconoscere e basta, questo è un altro ultimatum e non siamo pronti per un ultimatum”, ha affermato il leader ucraino, “la cosa importante è che Putin cominci a dialogare”. (Continua a leggere dopo la foto)

Dunque al momento sono due le condizioni poste da Zelensky: compromesso e non resa e garanzie di sicurezza per i cittadini ucraini che continueranno a vivere in quelle zone. Come scrive HuffingtonPosrt, le dichiarazioni del presidente ucraini arrivano a due giorni dall’incontro in Turchia tra il ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov, e quello ucraino, Dimitri Kuleba, primo faccia a faccia ad alto livello dall’inizio dell’aggressione russa, il 24 febbraio. Da Mosca, per ora, nessuna risposta. (Continua a leggere dopo la foto)

Ricordiamo che le condizioni poste dal Cremlino da giorni sono: 1) la smilitarizzazione e “denazificazione” dell’Ucraina (l’equivalente di un cambio di governo con epurazioni diffuse); 2) garanzie sullo status “neutrale” dell’Ucraina; 3) il riconoscimento della Crimea; 4) la rinuncia di Kiev al Donbass. Da giorni il presidente Zelensky chiede al presidente Putin un incontro, ma la sua richiesta – sostenuta dal presidente turco Recep Tayyip Erdoğan – è sempre stata ignorata.

Ti potrebbe interessare anche: Il Fisco è pronto a far fallire 500mila imprese (e milioni di famiglie). Rottamazione, partono le cartelle

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Dovete vedervela da soli”: l’Europa, come sempre, sbatte la porta in faccia all’Italia

Ucraina, sanzioni, aiuti militari e pace: il nostro sondaggio. Dicci la tua