in

Si ferma tutto ma non gli sbarchi! Trimestre da record per gli arrivi degli immigrati

Pubblicato il 07/04/2021 17:10 - Aggiornato il 07/04/2021 17:17

L’Italia, gli Italiani, la scuola, le attività, le imprese: sono stati capaci di bloccare tutto! Sono stati in grado di mobilitare un esercito di 70mila agenti per promuovere quello che Lamorgese aveva annunciato, poco prima dell’inizio delle vacanze pasquali, come “ferreo controllo del territorio” per far rispettare le restrizioni.

Ma se c’è una cosa che non ha subito l’arresto, questa è rappresentata dal flusso degli sbarchi dei migranti. Abbiamo raggiunto perfino il record degli anni recenti. “Nei primi tre mesi del 2021 le acque sono state più trafficate che mai rispetto allo stesso periodo degli ultimi quattro anni” riferisce il sito leggo.it riprendendo i dati del dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione del ministero dell’Interno.

Dal primo gennaio a ieri (7aprile) sono sbarcati 8.465 migranti. Si tratterebbe del 199% in più rispetto allo stesso periodo del 2020 (quando ne sono sbarcati 2.828) con il secondo governo Conte e Lamorgese al Ministero dell’Interno. E di ben il 1.491% in più rispetto ai primi tre mesi del 2019 (quando ne sono sbarcati 532) con il primo governo Conte e Salvini al Viminale.

Solo giovedì scorso sono arrivati a Pozzallo con la nave spagnola Open Arms 209 migranti. Mentre a Lampedusa nel periodo pre-pasquale ne sono arrivati 400 nel giro di pochissime ore.

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Concorsopoli Pd”, si dimette il presidente del consiglio del Lazio, fedelissimo di Zingaretti

AstraZeneca, altro fallimento Ue: anche sui vaccini in ordine sparso