Vai al contenuto

“Capolavori inestimabili!” Bertinotti, perché i giudici vogliono togliere i quadri appesi in casa del “compagno”

Pubblicato il 06/11/2023 16:03 - Aggiornato il 06/11/2023 16:04
Bertinotti quadri Andy Warhol

Il cuore a sinistra, il portafogli a destra, diceva una vecchio adagio. Ed ecco di nuovo che uno dei più famosi comunisti italiani finisce nell’occhio del ciclone per dei suoi particolari averi. Stavolta si tratta di quadri. E non di un artista qualsiasi, bensì di Andy Warhol. Forse nessun altro proletario d’Italia possiede un quadro di Warhol in casa. Ma Fausto Bertinotti ha questa fortuna. E non ci pensa proprio a perderli, nonostante ora si sia messo di mezzo il tribunale. Una vicenda, questa, davvero tragicomica, degna rappresentazione della situazione della sinistra italiana degli ultimi anni. Si tratta di tre opere di Andy Warhol esposte in bella mostra sopra al divano di velluto arancione della casa romana dell’ex presidente della Camera. Rappresentato Mao Tse Tung, il leader a capo delle forze comuniste in Cina che guidò una delle più lunghe e sanguinose rivoluzioni della storia. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Una nuova emergenza!” Ecco la “sorpresa” che ci stanno preparando. Riuniti in Italia da tutto il mondo
>>> “Una guerra segreta.” Lo scoop del New York Times: “Una misteriosa malattia colpisce i soldati”

Bertinotti quadri Andy Warhol

Ma perché Fausto Bertinotti ha in casa questi quadri di Andy Warhol? Perché glieli ha lasciati in eredità nel suo testamento il suo amico Mario D’Urso, noto finanziere napoletano che, alla sua morte, avvenuta nel 2015, lasciò un patrimonio di 24 milioni di euro, tra soldi, opere d’arte e terreni. Il tutto fu spartito tra una quindicina tra parenti e amici, tra cui l’ex segretario di Rifondazione comunista. A gennaio scorso, però, il Tribunale civile di Roma ha annullato con una sentenza la disposizione testamentaria di D’Urso, perché – come riporta Libero – è spuntata una erede, una signora oggi sessantenne che, dopo essersi sottoposta al test del Dna, è stata certificata come figlia biologica del finanziere napoletano. Dunque? L’eredità spetterebbe a lei. Ma Bertinotti non ci sta. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Qui crolla l’Europa!” L’Austria segue l’esempio della Gran Bretagna e scoppia la crisi. Cosa sta succedendo

Bertinotti e i quadri di Andy Warhol, quanto valgono?

Lui e gli altri beneficiari si sono opposti e hanno presentato ricorso. Fausto Bertinotti non parla della vicenda. Francesco Serra di Cassano, cugino di secondo grado del finanziere napoletano, spiega però al Corriere che i tre Mao ricevuti da Mario D’Urso “sono serigrafie che non hanno un grande valore, malgrado i giornali continuino a parlare di quadri da milioni di euro”. Chi lo sa. Certo è che tra opere di Warhol è difficile che valgano pochi spicci. Ora la parola passa ai tribunali, e si vedrà come andrà a finire questa storia.

Ti potrebbe interessare anche: Zucchero, insalata, ketchup e non solo: cambia tutto. Ecco come l’Europa rivoluziona la nostra spesa