Vai al contenuto

Sospensioni, tutor e orientatori: come cambia la scuola italiana. Tutte le novità al rientro in aula

Pubblicato il 04/09/2023 12:15 - Aggiornato il 05/10/2023 13:52

Con la fine di agosto, per milioni di alunni residenti in ogni Regione d’Italia si avvicina il momento del rientro a scuola, con la campanella pronta a suonare e le vacanze ormai alle spalle. Un conto alla rovescia accompagnato da un interrogativo: quali novità attendono famiglie e ragazzi una volta sui banchi? Sul tema è intervenuto in queste ore il ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara, che dal Forum Ambrosetti ha dichiarato: “Bisogna ridare prestigio, autorevolezza e coscienza della dignità di questo lavoro ai docenti italiani. Sono partito da qui e dalla necessità di riportare la cultura del rispetto nelle scuole, mettendo al centro questa figura così significativa per la società italiana dando una serie di segnali che passano dalla chiusura in tre settimane di un contratto che si prolungava per anni a una serie di altre iniziative, come la tutela legale a favore dei docenti”. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Mancano supplenti e insegnanti di sostegno: i dati choc sulla scuola italiana
>>> Meningite scambiata per mal di schiena, Valeria muore a soli 27 anni: l’ennesimo, terribile caso di malasanità

Già in queste ore la campanella è suonata per i primi ragazzi: si tratta degli studenti di Bolzano, i primi a far ritorno in aula e saggiare con mano le novità che li attendono. Il 31 agosto, dopo la visita a Caivano con la premier Meloni, Valditara ha firmato il decreto ministeriale Agenda Sud: l’obiettivo è il contrasto della dispersione, la riduzione dei divari negli apprendimenti, l’apertura delle scuole anche nel pomerggio. Il budget è di 265 milioni di euro e sono coinvolte oltre 2mila scuole nel Mezzogiorno. (Continua a leggere dopo la foto)

scuola tutte le novità

Scuola, tutte le novità al rientro in aula

Come spiegato dal Messaggero, sono state introdotte novità come l’accorciamento di un un anno, a titolo sperimentale, dei percorsi tecnici e professionali: in questo modo verranno collegati agli Its (i tecnici superiori di due anni successivi al diploma), creando un percorso di sei anni (4+2) con sbocchi lavorativi immediati. (Continua a leggere dopo la foto)

Spazio, inoltre, alle figure del tutor e dell’orientatore. Il primo dovrà aiutare a individuare percorsi personalizzati per gli studenti e “favorire il recupero per quei ragazzi che sono più indietro nella preparazione, oppure per quei ragazzi che in classe si annoiano perché sono molto avanti”, come spiegato da Valditara stesso. Il secondo, a partire dalla terza superiore, assisterà invece i ragazzi nell’individuazione del percorso di studi da seguire, con 30 ore annue di formazione.

Infine, novità sulle misure disciplinari, su tutte le sospensioni. “Oltre i due giorni lo studente dovrà partecipare ad attività di cittadinanza solidale – ha spiegato il ministro Valditara – andando dalla Caritas alle case di riposo, dove gli studenti potranno prestare la loro opera di volontariato. Le scuole poi sceglieranno dove far svolgere queste attività”.

Ti potrebbe interessare anche: La pericolosa egemonia della Francia, da Ustica a Berlusconi passando per il 3 per cento