x

x

Vai al contenuto

Manca il personale e la scuola apre a orario ridotto. I dati choc sul naufragio dell’istruzione italiana

Pubblicato il 05/10/2023 13:50 - Aggiornato il 05/10/2023 14:37

La campanella è già suonata in quasi tutte le scuole d’Italia, ma i problemi sono tornati puntualissimi dalle vacanze. Sottolineando, ancora una volta, tutte le difficoltà e le mancanze del nostro sistema. L’ultimo allarme è arrivato in queste ore dai genitori dei ragazzi della scuola elementare Perasso, dell’Istituto Comprensivo San Martino-Borgoratti di Genova. A tre settimane dall’inizio delle lezioni, le famiglie hanno lamentato la mancanza di docenti di sostegno e la riduzione dell’orario. A riportare la notizia è stata la testata La Voce di Genova, che ha riportato una lettera inviata dai genitori agli uffici regionali e comunali per lamentare l’assoluta mancanza di comunicazione. Non si tratta, però, di un caso isolato. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Sospensioni, tutor e orientatori: come cambia la scuola italiana. Tutte le novità al rientro in aula

mancano supplenti insegnanti di sostegno scuola

Nella maggior parte dello Stivale, le lezioni sono riprese da tre settimane ma la caccia al supplente non è ancora terminata. La carenza di insegnanti per alcune discipline è particolarmente sentita al Nord e nella scuola secondaria di secondo grado. Ma anche al Sud e negli altri ordini di scuola alcune cattedre attendono ancora di essere occupate. Come spiegato da Repubblica, esaurite tutte le graduatorie dei precari, i dirigenti scolastici sono costretti a lanciare i cosiddetti interpelli nazionali per coprire i buchi in organico. (Continua a leggere dopo la foto)

mancano supplenti insegnanti di sostegno scuola

Mancano supplenti e insegnanti di sostegno: i dati choc

A certificare i problemi del nostro Paese sono i numeri. Lo scorso 13 settembre, dopo settimane di chiamate e stipula di contratti, il ministero dell’Istruzione e del merito traccia un bilancio delle immissioni in ruolo e del fabbisogno per l’anno scolastico appena avviato. Per non lasciare cattedre senza docente, servirebbe la nomina di oltre 40mila supplenti su posto vacante, perché degli 81mila posti lasciati liberi dopo i trasferimenti e i pensionamenti, ne sono stati assegnati con contratto a tempo indeterminato poco meno di 41mila. (Continua a leggere dopo la foto)

mancano supplenti insegnanti di sostegno scuola

Alle 40mila cattedre libere occorre aggiungere circa 100mila supplenti di sostegno su posti in deroga all’organico stabile, cioè validi per un solo anno, e un imprecisato numero di supplenze per docenti in malattia, distacco sindacale, distacco per incarico politico e per altre ragioni. In tutto, secondo i sindacati, saranno ben oltre 200mila i supplenti quest’anno: per questo il ministero ha deciso di accelerare la procedura straordinaria dedicata a 40mila supplenti senza titolo di abilitazione ma con almeno tre anni di supplenza alle spalle.

Ti potrebbe interessare anche: Mario Giodano: “Si poteva evitare, ora basta!” A Fuori dal coro l’accusa sull’incidente del pullman (VIDEO)