in

Commercianti e ristoratori, i numeri di una catastrofe: ecco quanti hanno chiuso e perché non è solo colpa della crisi

Pubblicato il 11/05/2022 08:25

La crisi morde, e morde sempre più forte. Sta divorando e travolgendo tutto, senza che il governo faccia nulla. E anzi, nella maggior parte dei casi è il governo stesso ad alimentarla, con scelte scellerate. Un esempio lampante di quanto le cose stiano colando a picco è Roma. Una città che sta cambiando giorno dopo giorno. Come denuncia Damiana Verucci su Il Tempo, ormai “le serrande di marchi conosciuti, costretti ad arrendersi alla crisi, alla pandemia, alla mancanza per oltre due anni di turisti, si abbassano una ad un una ed è un rincorrersi di vendesi e di affittasi che non conosce battute di arresto”. Ma di fronte a privati costretti ad arrendersi, l’Amministrazione Pd guidata da Gualtieri si dichiara il più delle volte impotente. (Continua a leggere dopo la foto)

“Niente eventi per spingere lo shopping, una Ztl che resta immobile e che i commercianti additano come tra le principali responsabili della mancanza di acquisti da parte dei romani, ma soprattutto scarsa visione del futuro per questa città mentre gli affitti continuano a salire e i locali diventano sempre meno appetibili da parte di chi vuole fare impresa. È sufficiente fare una passeggiata in centro per rendersi conto. Certo, la pandemia ha dato il colpo finale, ma già prima la sofferenza in molte zone anche rinomate, era tangibile. In via Frattina, ad esempio, stando ad alcune stime delle associazioni di settore, il 15% dei negozi ha chiuso i battenti e probabilmente non li riaprirà”. (Continua a leggere dopo la foto)

La fotografia è tragica: “Da piazza della Repubblica a piazza Venezia, una quarantina di attività su circa 130 hanno chiuso. E poi ci sono strade simbolo come via Veneto, una volta Dolce Vita ora quasi del tutto abbandonata e dove ieri è suonato alto, tra gli altri, il grido d’allarme del padre del Bagaglino, Pingitore, che ha detto «torni a rianimarsi la via più celebre e ammirata di Roma». Confartigianato Roma ha analizzato in modo ancora più analitico la situazione del centro partendo proprio dai numeri e la fotografia che ne esce è a dir poco preoccupante. Tra gennaio 2020 e febbraio 2022, il solo comparto del commercio ha detto addio a 670 attività, vale a dire il 15% del numero complessivo delle imprese, si è passati infatti da 4446 a 3776 piccole imprese”. (Continua a leggere dopo la foto)

La manifattura è passata da 1680 a 1311 imprese, vale a dire 369 attività in meno e una perdita record del 21,9%. Non va meglio per la ristorazione: “Meno ristoranti di un certo livello, più street food tra pizzerie a taglio, kebbaberie, paninoteche e via dicendo. Dunque la ristorazione, nello stesso arco temporale considerato, si riduce del 2,2%. Ma anche il settore alberghiero non rischia meno. L’alloggio tradizionale, con gli alberghi, perde 39 strutture pari al 5,1%, mentre gli affittacamere, nonostante la pandemia, crescono di 42 unità (da 1408 a 1450), il che la dice lunga sulla trasformazione in corso”. (Continua a leggere dopo la foto)

Conclude Il Tempo: “Un trend diverso, in questo caso migliore, riguarda i laboratori artigiani, unica nota positiva della ricerca, che crescono seppure di non molto (solo 4 unità) passando nella ristorazione da 253 a 257 laboratori, ovvero + 1,9%. C’è poi il settore dei servizi alla persona (acconciatura, estetica, tatuaggi) che si riduce di 29 unità (da 618 a 589): -4,6%. Di questo passo si rischia una vera e propria desertificazione di attività storiche e di appeal”.

Ti potrebbe interessare anche: ITALEXIT PER L’ITALIA al 4,2%, il sondaggio del Corriere della Sera che cambia la politica italiana

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

ULTIM’ORA: Stop al gas verso l’Europa. Ucraina, il gestore denuncia: “Cause di forza maggiore”

Il tramonto dell’euro: ecco perché la guerra in Ucraina può dare il colpo di grazia alla moneta unica Ue