in

Lotti sospetti, Pfizer fornisce i dati ma dentro ci mette la “sorpresa”. Crescono i dubbi sulla regolarità

Pfizer si prende ancora beffa di tutti. Dei cittadini in primis, delle autorità e dei governi poi. Come denuncia oggi Marianna Canè su La Verità, “i documenti sui test e la sicurezza di determinati lotti, sospettati di correlazione con effetti avversi anche gravi, sono stati forniti censurati. Ben 32 pagine su 40 risultano illeggibili, coperte le informazioni più importanti”. Ripetiamo: 32 pagine su 40 illeggibili. Se non è una presa in giro questa. La cosa però interessante è che ora sulla mancata trasparenza della casa farmaceutica, il senatore Usa, Ron Johnson ha interpellato direttamente Fda e Cdc. Intanto, però, il mistero resta. Cosa c’è scritto in quelle pagine che Pfizer ha oscurato? (Continua a leggere dopo la foto)

Scrive Canè: “Un documento Pfizer, fino a poco tempo fa tenuto secretato, adesso finalmente è stato reso disponibile dall’Ema. Peccato però che sui vaccini la trasparenza spesso è solo un’illusione, a discapito della nostra salute. E così in questo clima, in cui è meglio nascondere che dimostrare, il report che contiene i dati sulla sicurezza dei lotti di vaccino della casa farmaceutica statunitense vede finalmente la luce come una lunga serie di pagine nere, censurate, con buona pace della trasparenza. Un plico di 40 fogli in cui sono descritti tutti gli esami, con i rispettivi risultati, eseguiti su determinati lotti di vaccino contro il Covid, per verificare che abbiano caratteristiche e qualità adeguate. L’obiettivo di questi test, come si legge nel documento, è «garantire la comparabilità delle caratteristiche dei lotti» il tutto per assicurare che i vaccini siano tutti uguali, indipendentemente dal tempo e dal luogo di produzione”. (Continua a leggere dopo la foto)

Dati importantissimi insomma, che però Pfizer ha cancellato. “I numeri rilevanti e i grafici sono stati completamente oscurati e non sono consultabili”, spiega a La Verità il professor Marco Cosentino, farmacologo dell’Università degli Studi dell’Insubria. “Nel documento dovrebbe essere mostrato se ci sono lotti in cui i vaccini non rispondono ai livelli minimi di sicurezza e che quindi dovrebbero essere scartati, ma non solo, c’è scritto anche come viene calcolata la soglia minima per accertare o meno la qualità di ogni singolo lotto di vaccino, peccato però che tutto questo non sia visibile”. (Continua a leggere dopo la foto)

“Se i dati sono censurati e non ci può essere il controllo da parte del grande pubblico, bisogna solo sperare che le organizzazioni internazionali, come Ema e Fda svolgano il loro ruolo di controllo, ora che la produzione di questi vaccini è praticamente salita alle stelle” evidenzia il professore. Bisogna fidarsi, quindi, non avendo altri strumenti a disposizione, però i dubbi comunque rimangono. Perché censurare i dati? Cosa c’è da nascondere? Domande come queste se le è poste anche un senatore americano, Ron Johnson, che ha scritto una lettera indirizzata alla Fda e al Cdc, l’agenzia federale americana di sanità pubblica. Quattro pagine in cui il senatore chiede quali sono i tipi di test effettuati per verificare la qualità dei lotti di vaccino, ma non solo”. (Continua a leggere dopo la foto)

Nel documento, infatti, mostra i risultati di alcuni ricercatori che hanno elaborato i dati presenti su una piattaforma ufficiale americana in cui vengono registrate tutte le segnalazioni di effetti avversi negli Stati Uniti, chiamata Vaers. “Circa l’80% degli eventi avversi segnalati solo negli Stati Uniti per i vaccini Covid sono associati a solo l’1% dei lotti di vaccino, così come circa l’80% degli eventi avversi gravi sono associati a circa il 5% di lotti di vaccini specifici segnalati al Vaers”. Sono queste le conclusioni dei ricercatori riportate dal senatore nella sua lettera. “Dati sconcertanti, che dimostrerebbero come la maggior parte degli effetti avversi, anche gravi e delle morti, sia riconducibile a dei lotti specifici”. In conclusione ci si chiede: “Perché si continuano a censurare quelle poche informazioni che ci sono e che potrebbero portare un po’ di chiarezza?”.

Ti potrebbe interessare anche: Assaltano il palco di Italexit inneggiando alla brigata Azov. Costanzo: “Dimissioni Lamorgese, Prefetto e Questore”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Multe ai non vaccinati, pensavate si sarebbero arresi? Ecco cosa stanno preparando Speranza e Agenzia delle Entrate

Riparte la guerra, previsti nuovi aumenti, raffica di sbarchi. Sarà un’estate bollente