in

L’Europa e la farsa dell’embargo al petrolio russo: vale per tutti tranne che per “qualcuno”. Indovina chi

Pubblicato il 31/05/2022 12:40

Con la crisi russo-ucraina l’Europa sta dando il peggio di sé. Pensavamo di averle viste tutte dall’introduzione dell’Euro alla gestione della pandemia, e invece con l’Ue non c’è mai limite al peggio. Soprattutto quando di mezzo c’è chi l’Europa la governa davvero, ossia la Germania. Ed ecco quindi che la decisione dell’embargo sul petrolio russo alla fine riguarderà tutti meno che… la Germania, appunto. Gli effetti saranno graduali e non toccano tutti allo stesso modo. Come spiga Il Tempo, “i 27 paesi membri dell’Unione Europea hanno trovato l’accordo nella serata di lunedì 30 maggio su un «embargo graduale» del petrolio russo. Inizialmente si tratterà del petrolio trasportato via mare, ovvero i due terzi degli acquisti europei di oro nero russo”. (Continua a leggere dopo la foto)

È stata prevista un’esenzione temporanea per il petrolio trasportato tramite oleodotto al fine di revocare il veto di Budapest. “In totale, entro la fine dell’anno il 90% delle esportazioni petrolifere russe nell’Ue sarà interrotto. Il sesto pacchetto di sanzioni europee prevede anche l’esclusione dal sistema finanziario internazionale Swift di tre banche russe, tra cui Sberbank, principale istituzione del Paese, e prevede l’estensione della lista nera dell’Ue a una sessantina di personalità, tra cui il capo della Chiesa Ortodossa, Patriarca Kirill. Il sesto pacchetto di sanzioni contro Mosca contiene però importanti deroghe: il divieto d’importazione riguarderà solo il greggio che arriva via mare”. (Continua a leggere dopo la foto)

Resta così fuori dal bando l’oleodotto Druzhba, che rifornisce l’Ungheria ma anche Germania e Polonia. Così come ha ottenuto una deroga di 18 mesi la Repubblica Ceca. Per tutti gli altri il divieto sarà in vigore entro fine 2022, fra sei mesi. “Il blocco permetterà di tagliare di due terzi del petrolio importato dalla Russia”, esulta il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel. “Vieterà il 90% del greggio russo”, rincara la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. Una percentuale più alta, perché von der Leyen prende di parola Germania e Polonia che hanno assicurato che entro l’anno faranno a meno del petrolio russo, anche di quello che arriva tramite l’oleodotto. (Continua a leggere dopo la foto)

“E quindi l’unica deroga riguarderà Budapest, che importa solo il 7% del totale europeo. Fatti i conti, si tratta di «un’enorme parte del finanziamento della macchina da guerra di Putin che viene a mancare», concordano i leader a Bruxelles. Nel frattempo il premier ungherese Viktor Orban festeggia l’accordo: «Noi siamo esenti»”.

Ti potrebbe interessare anche: CostaVolpara, la band che spopola sui social dopo il No ai concerti in cui si richiede il Green Pass

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Così la Guardia di Finanza potrà entrare nei conti correnti”: rivoluzione nel Fisco, come funzionerà il nuovo sistema

“Vaccini, subito una nuova dose per anziani e bambini”: così l’infettivologo detta l’agenda al governo