Vai al contenuto

“Bozzolotto con le labbra pittate.” Toscani sempre più ributtante: “Neanderthal e teste di c**zo”. Ecco con chi ce l’ha

Pubblicato il 18/09/2023 22:06 - Aggiornato il 19/09/2023 09:32

Non occorre nutrire simpatia per Giorgia Meloni per denunciare le parole, come sempre, scomposte, offensive e volgari che, con una certa cadenza, le riserva Oliviero Toscani. Del noto fotografo e sodale dei Benetton e delle sue intemperanze e dei suoi insulti abbiamo già scritto, in più di un’occasione. Ospite (per l’ennesima volta) a La Zanzara, la trasmissione di Radio24 condotta dalla coppia Parenzo e Cruciani, i bersagli delle sue intemerate sono stati quelli consueti, da Meloni a Salvini all’universo mondo di chi non la pensi come lui, in definitiva. E allora cominciamo: “Poverina, ’sto bozzolotto con labbra pitturate. Ha le mani come i disegni di Altan”, era per Giorgia Meloni, che dunque è bassa e con le dita corte, anche se non ci paiono caratteristiche squisitamente politiche. Nei tempi del politicamente corretto, questo è quello che si chiama body shaming o, al più, sessismo. Se fossero state pronunciate simili frasi verso un’altra esponente politica, di un altro partito, è lecito supporre che si sarebbe scatenato il finimondo. Ma passiamo oltre. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Francia, schiaffo all’Italia. Dopo la solidarietà di facciata ora arriva l’annuncio

oliviero toscani insulti offese

“Una manna dal cielo”

“Dio, patria, famiglia e proprietà sono la rovina dell’umanità“, filosofeggia Toscani e soffermiamoci esclusivamente sul concetto di proprietà privata “rovina dell’umanità”, pienamente legittimo se pronunciato da qualche comunista della vecchia guardia, ma Toscani è da decenni socio e sodale della famiglia Benetton, come già detto: i protagonisti di quello che si definisce capitalismo di rapina, e non è la sede per elencarne i motivi. Basti ricordare che, dopo il crollo del Ponte Morandi, Oliviero Toscani riuscì a dire, pur di non attaccare i suoi protettori trevigiani: “A chi vuoi che gliene freghi se casca un ponte?”. Andiamo ancora avanti. “Questo Governo è tremendamente razzista, subdolo e falso”, è l’incipit di un ragionamento sull’epocale fenomeno delle migrazioni. Ora, bisogna essere davvero in malafede per non riconoscere che comunque la si pensi, che sia una nemesi storica come dice qualcuno oppure no, il problema sussiste e vada affrontato. Eppure, nel fantastico e colorato mondo dell’81enne Oliviero Toscani: “Dobbiamo andarli a prendere con le navi da Crociera perché sono anche pochi”. Sono pochi, ha detto così. Anzi, “Sono una manna dal cielo”. E ne avremmo bisogno, dice, per far sì che il nostro paese avesse “nuova linfa”: “L’unica fortuna dell’Italia sono gli immigrati”. Qui i conduttori hanno fatto sommessamente notare che gli altri Paesi europei, al di là delle passerelle e delle dichiarazioni meramente di facciata, non ci sono di grande aiuto: “A me non frega nulla degli altri Paesi”, è stata la risposta, come ricostruisce, tra gli altri, il Giornale. Dagli immigrati, va da sé, si passa a Salvini. “Nei barconi la maggior parte delle persone è più intelligente di Salvini. Lui parla di atto di guerra? Pensa a chi è vicepremier del Paese, uno che dice una c**zata simile. Altro che Neanderthal. Dite a Salvini di tenere la bocca chiusa”. Ma Salvini non è l’unico: secondo Toscani tutti i legisti sono delle “teste di c**zo”. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Ritardati mentali, deficiente…”. Oliviero Toscani vomita odio contro Giorgia Meloni: choc a La Zanzara

oliviero toscani insulti offese

Un parallelismo azzardato

Ora un illuminante passaggio del Toscani-pensiero che ci sentiamo, prima di commentarlo, di proporre per esteso: “Li guardate i documentari di ottanta anni fa e cosa facevano? Tra qualche anno i migranti guarderanno quello che stiamo facendo e visto che diventeranno dottori, avvocati ci faranno il processo di Norimberga a noi. Li stiamo trattando da dementi, non ne capiamo il valore. Anche quelli delle leggi razziali parlavano così degli ebrei”. Secondo chi scrive, la comunità ebraica italiana dovrebbe, per prima, ritenersi offesa perché, sempre secondo chi scrive, è davvero intollerabile tirare in causa una delle più grandi sciagure della Storia per supportare le proprie – confuse – idee politiche. Ma Oliviero Toscani è superiore a noi e a tutti quanti: “Se il Paese iniziasse a ragionare così come dico io, ci sarebbe una maggioranza che capisce il futuro e non è retrograda. Le cose funzionerebbero meglio“.

Potrebbe interessarti anche: “Usano i bambini come esca.” La nuova truffa che punta i vostri smartphone: “Possono svuotare il conto”