in

Milano, è allarme sicurezza. Tra stupri, rapine e aggressioni è il caos, ma Sala e Lamorgese tacciono

Pubblicato il 29/03/2022 08:22

Nonostante l’amministrazione guidata da Sala e l’intera sinistra facciano finta di nulla, a Milano è allarme sicurezza. L’escalation di violenza in città viene derubricata dai sinistri a semplice “esagerazione mediatica e dei social”. Ma la verità è racchiusa nei numeri, che poco spazio lasciano all’interpretazione. Come riporta Il Giornale, “negli ultimi tre giorni in città sono state denunciate sette violenze sessuali nei confronti di donne e ragazze, senza contare che, due giorni fa in via Palazzi, in pieno centro, un ragazzo somalo di 22 anni è stato sgozzato col coccio di una bottiglia da un suo connazionale dopo una rissa”. (Continua a leggere dopo la foto)

L’ennesimo episodio di violenza è di due pomeriggi fa in corso Buenos Aires, la via più importante dello shopping milanese. “Un giovane straniero del Mali ha aggredito due donne, strattonandole e palpeggiandole, e quando sono arrivati i carabinieri ha risposto con calci e pugni. Il venticinquenne, senza una fissa dimora, era in evidente stato di alterazione ed è stato arrestato per violenza sessuale continuata e resistenza a pubblico ufficiale. Accompagnato nel carcere di San Vittore, a suo carico sono emersi precedenti per violenza privata, molestia o disturbo alle persone, evasione, oltre a reati in materia di stupefacenti”. (Continua a leggere dopo la foto)

E ancora: “Il 24 febbraio scorso inoltre gli era stato notificato un Daspo urbano, un provvedimento che prevedeva il divieto di accesso alla stazione ferroviaria di Milano Centrale. Le due donne vittime delle violenze sono una signora italiana di 57 anni e una di nazionalità romena di 52. Entrambe, soccorse e curate, hanno presentato denuncia”. E mentre a Milano di episodi di violenza se ne registrano ogni giorno, dal sindaco e dal ministro dell’Interno Lamorgese nessuna parola. (Continua a leggere dopo la foto)

Il ministero dovrebbe varare un piano speciale per la città, visto che l’amministrazione non è in grado di proteggere i cittadini. Tutti ricorderanno anche il clamoroso episodio di violenza, sempre su due ragazze, in piena piazza Duomo, o le risse continue tra baby gang. Per non parlare delle rapine, sempre più frequenti. Si intervenga, subito!

Ti potrebbe interessare anche: “Salviamo i taxi dalle Big Tech”. Italexit in Parlamento a difesa dei lavoratori italiani

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Vacanze di Pasqua, pioggia di disdette. Disastro Roma. La guerra presenta il conto

“Ecco cosa gli serve…”. Così Capezzone fa a pezzi Biden: la durissima analisi in diretta