x

x

Vai al contenuto

Frontiere colabrodo. Servizi segreti beffati. Ecco come i migranti clandestini beffano l’Italia. E al Viminale arriva il Mossad

Pubblicato il 11/02/2024 10:07 - Aggiornato il 11/02/2024 10:12

Migranti “tecnologici”, allarme dei Servizi (israeliani) – Alcuni giorni fa, esponenti del Mossad israeliano, il servizio d’intelligence reputato (almeno sino ai fatti del 7 ottobre) il più efficiente al mondo, erano al Viminale. Che facevano presso la sede del Ministero dell’Interno? Erano lì, evidentemente, nella massima riservatezza. Eppure, la notizia è trapelata, quantomeno nella redazione de Il Giornale d’Italia, che ha pubblicato, dunque in esclusiva, l’allarmante indiscrezione: esiste, o esisterebbe, una tecnologia usata dagli immigrati clandestini che mappa tutti i posti di blocco delle forze dell’ordine, così consentendo agli immigrati irregolari di aggirare i controlli. Ancora secondo la stessa fonte, neppure al Viminale ne sapevano nulla. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Si guarisce anche con fede ed erboristeria” Re Carlo e il cancro, scelta sorprendente. Chi è il suo nuovo medico

migranti tecnologici allarme servizi

L’allarme del Mossad

Al di là della figuraccia dei nostri Servizi, dopo una prima verifica sarebbe arrivata anche la conferma. Gli israeliani ci hanno visto giusto: gli immigrati clandestini vengono costantemente aggiornati sulla posizione dei posti di blocco delle nostre forze dell’ordine. Al momento non sappiamo molto altro oltre alle informazioni sin qui date, riassunte nella esclusiva de Il Giornale d’Italia, raccolta da Marco Antonellis. Ma c’è da dire che in questo campo gli israeliani sanno come muoversi. A loro si deve la creazione dello spyware Pegasus, che, come riportammo all’epoca, è stato usato dal Marocco nell’ambito del cosiddetto Qatargate. È stato prodotto dall’azienda israeliana di sorveglianza NSO Group e ufficialmente riservato ad agenzie di intelligence e forze dell’ordine. Purtroppo, diverse investigazioni condotte degli scorsi anni hanno dimostrato come proprio questo software possa finire nelle mani sbagliate. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Sanremo, John Travolta “ballerà” in tribunale. Clamorosa decisione della Rai. Cosa sta succedendo

migranti tecnologici allarme servizi

Clandestini sì, ma tecnologicamente all’avanguardia

Non sappiamo di preciso che tipo di tecnologia usino gli immigrati clandestini – e, soprattutto, chi gliela fornisca – ma possiamo ben dire, giunti a questo punto, che sono un passo avanti alle nostre stesse forze di polizia, se le cose stanno effettivamente così: e non abbiamo motivo di dubitarne, tale è la portata epocale del fenomeno e dell’arrivo incontrollato, e poi dell’agire indisturbato sul nostro territorio, degli immigrati clandestini.

Potrebbe interessarti anche: Rischio “secondi tumori”. Quando la terapia è peggiore del male: ecco cosa è successo