in

“Scrivi quel ca*** che vuoi”. La Russa non si pente e rilancia (il VIDEO)

Pubblicato il 19/01/2023 20:35

Ignazio La Russa, dopo aver apostrofato con uno “scrivi il c***o che vuoi” il giornalista insolente, non intende scusarsi. Il sempre vulcanico La Russa, dunque, anche da presidente del Senato non ha modificato di molto la propria natura, fedele a se stesso al punto da inciampare in qualche gaffe. L’ultima polemica, in ordine di tempo, si è sollevata allorché, inseguito da un giornalista del Fatto Quotidiano che gli domandava a quale titolo partecipasse alla campagna elettorale lombarda di Fratelli d’Italia, essendo la seconda carica dello Stato, ha testualmente replicato come è scritto sopra. È accaduto quattro giorni fa ma, su La Stampa di oggi, con un articolo a firma di Andrea Malaguti, viene stigmatizzato l’episodio di Milano. Occasione ghiotta, dunque, stamane per Myrta Merlino, che a L’aria che tira ospitava, tra gli altri, proprio Ignazio La Russa. La sua prima domanda è stata precisamente se, ora che siede sullo scranno più alto di Palazzo Madama, non debba stare più attento: “Anche da presidente del Senato, lei continua a fare quello che le pare”. Apriti cielo. (continua a leggere dopo il VIDEO)
>>> “Zone 30km” esplode la polemica: “Prima le votano e poi si oppongono”. Cosa succede

La Russa non indietreggia, e rilancia: “La sostanza è che di fronte a un giornalista maleducato che continuava a insistere, gli ho detto scrivi il c***o che vuoi, di questo chiedo scusa, ma del resto no”. Anzi, di un’altra cosa si pente, ovvero non aver notato un microfono e dunque aver detto una parolaccia. Taluni si lamentano del fatto che, con il ruolo che ricopre, La Russa intervenga in manifestazioni di partito? E allora: “Pietro Grasso ha fondato un partito da presidente del Senato, Bertinotti è andato alla festa di Rifondazione Comunista, Fico interveniva su tutto, il mio amico Gianfranco Fini ha litigato con Berlusconi e ha poi fondato un suo partito”, afferma. Myrta Merlino, forse consapevole che la sua trasmissione ci regala sempre ottimi spunti, ha deciso di cavalcare l’onda ed è tornata sulle altre, numerose, polemiche intorno alla figura di La Russa e ha quindi chiesto al presidente del Senato (in pieno gennaio) se parteciperà alle celebrazioni del 25 aprile. “L’ho fatto quando ero ministro della Difesa – replica prontamente il fondatore di Fratelli d’Italia insieme a Meloni e Crosetto – Andai a rendere omaggio al monumento dei partigiani al Cimitero maggiore”. (continua a leggere dopo la foto)

La Russa scrivi cazzo vuoi

E invece quest’anno, insiste ancora Merlino? Risposta: “Ci ho già pensato, ma siamo così lontani dal 25 aprile”. E dunque per ora non se ne parla: “è ancora presto“. Per la cronaca, poi, in trasmissione si è parlato persino di argomenti più importanti.

Potrebbe interessarti anche:  Marc Overmars ricoverato da dicembre: “danni irreversibili al cuore” (ilparagone.it)

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Calcio europeo sotto shock, le gravi condizioni di Marc Overmas. Come sta davvero

“Come lo paga il mutuo?”. Ennesima tegola per Soumahoro, la dichiarazione dei redditi lo sbugiarda