x

x

Vai al contenuto

“Non è possibile”. Sabino Cassese “bastona” i magistrati: “Ce ne sono centinaia che…” (VIDEO)

Pubblicato il 11/07/2023 10:17
Sabino Cassese riforma Nordio

Sulla riforma Nordio volta a cambiare la Giustizia italiana se ne stanno dicendo tante. E soprattutto da sinistra è partito il solito circo. A spezzare una lancia a favore del ddl voluto dal governo Meloni, però, ci pensa nientepopodimeno che Sabino Cassese, mettendo tutti (o quasi) a tacere. Il noto costituzionalista è stato ospite della puntata del 10 luglio di “Agorà Estate“, il programma di Rai3 condotto da Lorenzo Lo Basso. In quella circostanza si è espresso sulla querelle tra governo e magistratura in merito alla riforma della giustizia, con una serie di passaggi nel suo ragionamento che sono suonate come vere e proprie bastonate nei confronti delle toghe, soprattutto per quanto riguarda la lentezza dei processi. Ma vediamo nel dettaglio la riflessione dell’esperto. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Due monete in circolazione”. La scelta del Paese Ue, un colpo durissimo per l’euro e per Bruxelles

Prima di entrare nel merito della riforma Nordio, Sabino Cassese si è soffermato sul senso della Giustizia e sul lavoro dei magistrati, e ha tuonato: “Se ci sono centinaia di magistrati che non fanno i magistrati la giustizia funziona male, la giustizia è un servizio per il pubblico e per la collettività e deve dare la percezione di essere indipendente, deve essere più silenziosa e meno combattente, deve esprimere opinioni non manifestare o parteggiare per una o l’altra parte”. Più chiaro di così, non si può. Sarà stato recepito il messaggio inviato nemmeno troppo velatamente da uno dei massimi esperti in Italia? Poi il passaggio sul ddl. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Un crimine contro l’umanità”. Giovanardi distrugge Conte, Speranza e Draghi

Sabino Cassese: “Letto e apprezzato riforma Nordio”

Spiega Sabino Cassese: “Ho letto e apprezzato la proposta di riforma della giustizia del Ministro Carlo Nordio, ritengo che sia un inizio. Le riforme non si fanno contro qualcuno, si fanno per dare una giustizia sollecita ai cittadini, non è possibile chiamare giustizia qualcosa che arriva con 5 o 10 anni di ritardo”. Le parole del costituzionalista, pronunciate in questa fase, sono suonate ai più come un vero e proprio attacco contro quello che invece dice l’Anm, l’Associazione nazionale magistrati.

Qui il VIDEO per riascoltare l’intervento integrale di Sabino Cassese sulla riforma Nordio

Ti potrebbe interessare anche: “L’Europa impoverisce le famiglie italiane”. Allarme delle banche: “Quanto costa agli italiani la scelta Ue”