x

x

Vai al contenuto

“Un crimine contro l’umanità”. Giovanardi distrugge Conte, Speranza e Draghi

Pubblicato il 10/07/2023 08:53 - Aggiornato il 12/07/2023 13:30
Daniele Giovanardi gestione Covid

Daniele Giovanardi è stato direttore del Pronto soccorso del Policlinico di Modena. Oggi è in pensione e più di una volta ha speso il suo tempo e le sue conoscenze per mettere in guardia gli italiani sulla gestione del Covid e dei vaccini. In un’intervista rilasciata a Franco Battaglia per LaVerità è tornato sull’argomento, dando bordate incredibili a destra e a manca, riassumendo tutto così: “È stato un crimine contro l’umanità”. Poi spiega: “Nel 2006 – dice – ebbi l’occasione di essere invitato ad Haifa, in Israele, al primo congresso internazionale della Nato sulle emergenze intra ed extra ospedaliere. Col patrocinio dell’Università di Modena scrissi un piccolo trattato esemplificativo. Le posso assicurare che per l’epidemia Sars-CoV-2 (meglio nota come Covid-19, ndr) è stato fatto esattamente il contrario di quanto prevedeva il piano pandemico. Si sarebbero dovuti adottare due provvedimenti fondamentali. Primo, isolare immediatamente i Pronto soccorso e dirottare i sospetti influenzati in luoghi che si sarebbero dovuti identificare in precedenza. Secondo, attivare tutti i medici del territorio, in primis i medici di famiglia, e magari altri supplementari, per visitare e curare a domicilio i pazienti”. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Impianti fotovoltaici, 780 grandi progetti ancora bloccati. La rabbia degli imprenditori: “Ecco perché”
>>> “Così non va”. Anche Draghi deve ammetterlo, è un disastro. Le parole che nessuno si aspettava

Spiega ancora Daniele Giovanardi: “In Italia fummo a centinaia i medici che decidemmo di somministrare fin dal primo giorno ai propri pazienti antiinfiammatori e idrossiclorochina, curando a casa le complicanze. I risultati erano eccellenti, ma le linee-guida del ministero imponevano paracetamolo e vigile attesa, e tutti gli italiani agli arresti domiciliari”. Quanto al lockdown Giovanardi è netto: “Io sono cardiologo e geriatra, e so bene che per gli anziani la qualità della vita significa attività fisica all’aria aperta, stimoli affettivi e mentali, ma il governo decideva di multare chi prendeva il sole da solo su una panchina. Non ho parole”. Poi il medico si sofferma sui nuovi vaccini a mRna. “Intanto chiamiamoli farmaci e non vaccini. Penso che ogni terapia debba essere scelta dal medico curante nell’interesse del singolo paziente”. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “L’hanno messa di nascosto nei nostri smartphone”. IT-Alert, come trovarla e come disinstallarla(FOTO)
>>> “Non è possibile”. Sabino Cassese “bastona” i magistrati: “Ce ne sono centinaia che…” (VIDEO)

Daniele Giovanardi gestione Covid

Conclude Daniele Giovanardi il suo attacco all’intera gestione della pandemia di Covid e dei vaccini: “Anche se non dichiarato, l’obbligo di fatto è stato ed è una forzatura inaccettabile anche perché questi farmaci non bloccano il diffondersi dell’infezione. Aver obbligato di fatto i cittadini ad iniettarsi un farmaco che non immunizza e di cui non si conoscono gli effetti a distanza è stato un atto di grande imprudenza e negligenza”. Il green pass? “Un provvedimento che alla fine s’è rivelato essere la prima causa della diffusione dell’infezione”. Poi Giovanardi rievoca le follie delle mascherine, le regole nei locali, le multe anche a chi all’aperto teneva le distanze. Ma la rabbia più grande è per quel divieto di curare i malati. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “L’Europa impoverisce le famiglie italiane”. Allarme delle banche: “Quanto costa agli italiani la scelta Ue”

Daniele Giovanardi tra gestione Covid e vaccini: “Disastro”

Attacca Daniele Giovanardi: “I farmaci a mRna sono tutt’ora sperimentali e coperti da segreto militare e nulla si sa sui contratti e sulla qualità dei lotti inoculati anche se abbondantemente scaduti e nelle combinazioni più disparate. Potevano essere permessi solo a scopo caritatevole in assenza di qualsiasi terapia”. Poi prende di petto i suoi colleghi “propagandisti con enormi conflitti di interesse”. È vero che sono stati nascosti gli effetti collaterali del vaccino? Rivela il medico: “I documenti dell’Aifa hanno provato senza ombra di dubbio che l’ente di controllo ha nascosto volutamente gli effetti collaterali […]. Penso che sia stato un insulto alla medicina rifiutarsi di indagare il perché dell’aumento anormale delle morti improvvise, specialmente fra i giovani, e di altre innumerevoli nuove patologie. […] L’impressione è che prevalga lo strapotere economico di Big Pharma”.

Ti potrebbe interessare anche: “Due monete in circolazione”. La scelta del Paese Ue, un colpo durissimo per l’euro e per Bruxelles