in

Emergenza medici negli ospedali. Ecco quanti ne mancano e il Covid non c’entra (e non è mai c’entrato) nulla

Pubblicato il 12/05/2022 10:33

“Venice Medical Assistance cerca URGENTEMENTE un medico per coprire i turni di stanotte e domani notte presso l’ospedale di Santorso di Vicenza per i codici bianchi. Vista l’urgenza, queste due notti verranno retribuite 90 euro all’ora. Chi fosse disponibile contatti il (segue cellulare)”. Questo è solo uno dei tanti messaggi che stanno circolando in questi giorni. È apparso in una chat su Telegram riservata ai medici alle 12.26 di martedì. Succede in Veneto, ma succede in tutta Italia, da nord a sud, perché l’emergenza è reale e palpabile. La carenza di medici, dopo la folle gestione della pandemia da parte di Speranza&Co., riguarda ormai molti ospedali italiani, dove si calcola – riporta il Corriere – che si dimettano ogni mese almeno 300 camici bianchi. (Continua a leggere dopo la foto)

Le aziende sanitarie italiane sono arrivate ad appaltare 18 Pronto soccorso su 26 alle cooperative, a loro volta spesso in affanno, al punto da dover ricorrere al passaparola per recuperare specialisti “last minute”. Ma in questo caso – denuncia ancora il Corriere – la vicenda è ancora più preoccupante, perché la Venice Medical As-sistance, azienda di Villorba di Treviso «nata sulla spinta delle carenze sul territorio per quanto riguarda l’assistenza medica e infermieristica domiciliare» e operativa h24, come recita il sito dedicato, non è nemmeno la coop che ha vinto l’appalto per gestire i codici bianchi e verdi al Pronto soccorso di Santorso. La gara se l’era aggiudicata, per dieci turni al mese, la «Anthesys» di Treviso”. (Continua a leggere dopo la foto)

“Esistono ditte che cercano camici bianchi per le cooperative a cui sono stati dati in appalto i reparti – afferma Carlo Bramezza, direttore generale dell’Usi Pedemontana, responsabile per l’ospedale di Santorso. Si tratta di enti terzi utilizzati anche per reclutare professionisti all’estero. Ormai abbiamo svuotato Bulgaria, Romania e Albania, adesso stanno arrivando specialisti da Francia, Germania e dalla Grecia, ma si punta anche ai medici extra Ue, che il Sistema pubblico non può ancora assumere direttamente (solo il Lazio ha deliberato da poco questa possibilità, ndr), e quindi vengono ingaggiati dalle cooperative. Purtroppo i giovani laureati ci pensano due volte prima di scegliere di lavorare al Pronto soccorso, per i turni massacranti, i maggiori rischi connessi ma anche per l’impossibilità di svolgere la libera professione nel pubblico”. (Continua a leggere dopo la foto)

Quel che è drammatico è che la carenza non riguarda solo i medici, ma anche gli infermieri, che oggi celebrano la loro Giornata internazionale. “Durante la pandemia ne sono morti 83. Questa giornata è dedicata ai nostri ‘caduti’. È necessario che il governo intervenga sia sui numeri, visto che secondo le stime mancano 70 mila unità, sia sulla formazione e il riconoscimento professionale”, ha spiegato al Corriere Barbara Mangiacavalli, presidente della Fnopi.

Ti potrebbe interessare anche: ITALEXIT PER L’ITALIA al 4,2%, il sondaggio del Corriere della Sera che cambia la politica italiana

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Il Tar boccia la Bolkestein: la storica sentenza, cosa succederà ora alle nostre spiagge

Borseggiatrici impunite, una soluzione ci sarebbe. Boom della petizione online