Vai al contenuto

Ecco chi ci guadagna sull’emergenza pronto soccorso. I “trucchi” per guadagnare fino a mille euro al giorno

Pubblicato il 21/08/2022 17:21 - Aggiornato il 21/08/2022 17:23

In Italia l’estate 2022 è quella dei medici turnisti. Il servizio sanitario pubblico, soprattutto nel settore dell’emergenza, a causa di carenze strutturali di organico e ferie cerca medici fuori dal sistema. I bandi raccolgono liberi professionisti e cooperative, che dispongono di molti camici bianchi e ormai sono ben note alle direzioni di aziende sanitarie e ospedaliere. In certe Regioni ormai la strada del privato viene percorsa da tempo. Succede ad esempio in Piemonte e in Veneto ma non solo. Dal nord al sud il sistema sanitario è ormai ridotto all’osso e la causa è da ricercarsi nelle malagestione della politica durante le ultime decadi, nonché nell’ultimo, assurdo colpo di grazia dato con la sospensione dal servizio dei sanitari non vaccinati.
(Continua a leggere dopo la foto)

La situazione tra pubblico e privato

Le situazioni emergenziali sono molteplici e di vario tipo. L’edizione odierna di la Repubblica riporta un esempio pratico. Nella fattispecie si parla dell’azienda ospedaliera di Ferrara, che all’inizio dell’estate aveva predisposto un bando per incarichi libero professionali nei quali erano indicate le tariffe: 840 euro per un turno di 12 ore di un medico non specializzato e 1.080 euro per uno specialista. «C’è una corsa delle aziende sanitarie e ospedaliere e delle Regioni ad alzare la paga oraria riconosciuta ai turnisti, non è etico», spiega Antonio Ferro, che dirige la Asl del Trentino. Anche lui ha spesso problemi a chiudere i turni al pronto soccorso. Di recente il Veneto ha deciso di riconoscere 100 euro lordi l’ora per gli straordinari dei suoi medici dipendenti ma anche come compenso ai liberi professionisti. «Bisognerebbe stabilire un tetto nazionale con tariffe massime — spiega Ferro — Le Regioni alzano il prezzo. Intanto dovremmo poter assumere i neo laureati, mentre si specializzano».
(Continua a leggere dopo la foto)

Fuga dal pubblico

Ovviamente un settore privato che remunera così bene fa sì che vi sia un’aumento esponenziale del numero di dipendenti pubblici che decidono di diventare liberi professionisti o di entrare in una cooperativa. «In Piemonte quasi tutti i pronto soccorso hanno dentro, magari solo parzialmente, le cooperative — dice Fabio De Iaco, presidente di Simeu, la società scientifica dei medici di emergenza urgenza — Addirittura ci risultano anche offerte da 120 euro l’ora. Così aumenterà il numero di coloro che lasciano i pronto soccorso per rientrare come turnisti». Un circolo vizioso. La situazione ovviamente mette in crisi anche gli specializzandi. L’emergenza-urgenza è diventato il settore con il maggior numero di borse non assegnate, circa la metà. Già è difficile aver voglia di lavorare in un posto impegnativo come il pronto soccorso, se poi si vede che lasciano anche gli assunti, le motivazioni scendono al minimo.
(Continua a leggere dopo la foto)

Le proposte del sindacato

Giammaria Liuzzi, il responsabile nazionale di Anaao giovani, cioè il principale sindacato degli ospedalieri, bisogna riformare il sistema ha spiegato che: «Dobbiamo allinearci agli altri Paesi. Gli specializzandi devono essere subito contrattualizzati, in modo che si formino lavorando già dentro il sistema, con tutte le tutele dei dirigenti medici. E va riconosciuto il lavoro nel pronto soccorso come usurante». Adesso, secondo Liuzzi «l’Università fa muro contro i cambiamenti e così chi si specializza lavora in un policlinico oppure in un ospedale che ha fatto l’accordo con un professore. E invece la formazione dovrebbe avvenire in tutti gli ospedali».
(Continua a leggere dopo la foto)

Ancora polemiche col governato della Calabria

Tra gli altri, proprio Anaao ha polemizzato duramente con il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, che ha annunciato l’assunzione di 500 medici provenienti da Cuba. La decisione è l’ennesima dimostrazione delle carenze di personale del sistema pubblico ma secondo il sindacato si poteva evitare. E una delle strade era assumere, appunto, gli specializzandi delle università calabresi, come anche attingere dal grande bacino dei sospesi italiani.

Potrebbe interessarti anche: “Un manager per trovare casa ai rom”. Il PD se ne inventa un’alta. Ecco quanto ci costerà