in

“Ora basta”. Draghi si arrende: quando lascerà il governo. E c’è già la data per le elezioni anticipate

Pubblicato il 14/07/2022 08:10

La notizia era nell’aria, e dopo lo strappo di Conte ha avuto anche conferma. Mario Draghi, dopo aver varcato le porte del Quirinale, nella serata di lunedì, è risoluto. “Ora basta”, avrebbe detto chiaramente al suo braccio destro, l’uomo dalle origini napoletane. Come racconta Arnaldo Magro in un retroscena pubblicato su Il Tempo, il premier ha messo il limite massimo a settembre, dopodiché lascerà il governo. “Stufo di questi leader partitici, irresponsabili secondo lui, che lo tengono inchiodato senza nulla poter fare, in un momento congiunturale terribile per il Paese. Non bastava l’ennesimo penultimatum di Giuseppe Conte, ci si è messa ora anche Forza Italia a chiedere la verifica di maggioranza. Davvero troppo per l’ex capo della Bce, per colui che è stato chiamato e osannato come la migliore espressione dell’italico prodotto e pensiero. Colui che doveva salvare almeno il salvabile. Convinto di rassegnare le dimissioni nelle mani del Capo dello Stato, esprime tutto il suo sconcerto a Sergio Mattarella”. (Continua a leggere dopo la foto)

Il Presidente della Repubblica, però, non vuole accettarle: “”Devi andare avanti. Almeno fino a settembre”, gli avrebbe detto. “Ho dato qualcosa a tutti, pure ai 5 Stelle, purché stessero zitti e buoni. Ora ci si mette anche Forza Italia, vuole intestarsi forse la crisi di governo? Lo faccia apertamente dinnanzi ai cittadini”, la replica. Più il tempo passa e più si accorge che la fiducia degli italiani nei suoi confronti sta bruscamente calando. “Conte, Salvini, Berlusconi, il primo a voler mollare questo governo, paradossalmente è proprio Draghi. Un governo che non vedrà la scadenza naturale e che andrà ad elezioni anticipate. Si parla già del 10 ottobre. Perché più nessuno ha interesse nel portare avanti l’esecutivo”. Mario Draghi in primis: “Avanti fino a settembre ma non un giorno di più”. Questa la decisione definitiva del premier. (Continua a leggere dopo la foto)

Conclude con varie allusioni Magro: “Vi è l’ex vice ministro milanese dal ciuffo pettinato che si propone «sottobanco» a Di Maio. L’ex giornalista con la barba, che manda decine di sms nella speranza di esser un giorno ricevuto. Vi è la bionda valchiria che in rotta col partito, cerca di affidarsi all’intercessione degli amici degli amici. Minimo comune denominatore, non dispongono che di una manciata di voti personali. Ma non demordono”. (Continua a leggere dopo la foto)

“Le preferenze in politica sono strumento fin troppo sopravvalutato secondo il loro pensiero. L’Imperativo è restare in Parlamento. L’idea di ritrovarsi fuori da Montecitorio non viene contemplata e gli interessi degli italiani sono secondari. Quanto rimpiangono oggigiorno, di aver votato quel demagogico taglio dei parlamentari?”.

Ti potrebbe interessare anche: “Alterano il Dna”. L’incredibile ordinanza del tribunale di Firenze. Cosa scrive il giudice

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Non voteremo la fiducia”. Conte cerca di salvarsi dopo aver portato l’Italia nel baratro. Ma noi non dimentichiamo

“Non è detto che…”, l’incredibile dubbio della virologa Viola e quella frase bomba pronunciata in diretta: cosa ha detto