Vai al contenuto

“Divieto di fumo anche all’aperto”. In arrivo nuove regole, ecco dove saranno vietate le sigarette

Pubblicato il 22/03/2023 11:06

Stop alle sigarette anche in alcuni luoghi all’aperto, dopo che da anni non è ormai più possibile fumare al chiuso. Un divieto entrato in vigore proprio nelle scorse ore, a partire da martedì 21 marzo, nel comune di Modena: la decisione è stata presa dal Consiglio comunale, dopo che lo scorso anno l’ordine del giorno a riguardo era stato votato all’unanimità. Entrando nel dettaglio, l’ordinanza firmata dal sindaco Gian Carlo Muzzarelli impone ai cittadini di non accendere sigarette, anche elettroniche, nei pressi delle aree gioco per bambini all’interno dei parchi e dei giardini pubblici, nelle le aree adiacenti i servizi all’infanzia, nidi e centri gioco e vicino agli ingressi degli uffici pubblici, di scuole, università, alle fermate del trasporto pubblico e nei cimiteri. Una norma che, presto, potrebbe interessare tutta Italia. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Addio alla data di scadenza”. L’Ue cambia le regole: cosa troveremo scritto d’ora in poi sugli alimenti

divieto di fumo all'aperto

A Modena, il mancato rispetto del divieto farà scattare una multa da un minimo di 25 a un massimo di 500 euro. Il sindaco ha inoltre fatto sapere che in particolare “nelle aree destinate al gioco dei bambini che si trovano nei parchi e nei giardini pubblici” verranno installati cartelli di avviso del divieto di fumo. Non si tratta di un caso isolato: anche a Volano, comune in provincia di Torino, esistono già regole simili. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Sigarette, arriva la stangata. Già aumentato il prezzo di tante marche: ecco quali

Una stretta potrebbe presto scattare a livello nazionale: come anticipato da Il Post, infatti, il ministro della Salute Orazio Schillaci starebbe lavorando a una bozza che potrebbe imporre in tutta Italia il divieto in alcuni luoghi all’aperto, con particolare attenzione alle aree frequentate dai bambini. Con multe in arrivo per chi dovesse essere pizzicato con la sigaretta in bocca dove non consentito. Le aree “smoke free” saranno in ogni caso segnalati da appositi cartelli. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Nuova stretta anti-fumo”. L’annuncio di Schillaci: ecco a quali regole e divieti fare attenzione

Tentativi di questo tipo sono stati fatti anche, per esempio, in località balneari come quella di San Michele al Tagliamento, in Veneto: qui è stato introdotto il divieto di fumo in spiaggia a partire dal 2019. Nelle zone adiacenti dove è possibile accendersi una sigaretta, sono stati invece disposti posaceneri appositi per gettare i mozziconi. Anche in questo caso, il mancato rispetto dell’obbligo fa scattare automaticamente la multa.

Ti potrebbe interessare anche: “Mi fa venire i brividi”. Utero in affitto, lo psichiatra Paolo Crepet è contro: “Ecco perché è sbagliato”