in

Conte vuole pagare le arance col pos. Ma la provocazione finisce male e il fruttivendolo…

Pubblicato il 25/01/2023 20:33

Stavolta le ha incassate pure dal fruttivendolo. Soltanto un paio di giorni orsono vi abbiamo raccontato della passeggiata (o passerella) elettorale di Giuseppe Conte che si aggirava per il mercato di Piazza San Giovanni di Dio a Roma, ove partecipava a un’iniziativa elettorale a sostegno della candidata alla presidenza della Regione Lazio, Donatella Bianchi, e dove era stato bacchettato da un suo ex elettore, contrario al Reddito di cittadinanza. Un ulteriore episodio, nella stessa occasione, ha certificato lo scollamento dalla realtà di chi si ergeva a difensore del popolo contro la casta. Giuseppe Conte avrebbe inteso acquistare delle arance, pagandole col bancomat. Inevitabile il diniego, fermo ma composto, del fruttivendolo, sprovvisto del Pos. Il “siparietto” è raccontato da Il Tempo. I cinque anni di amministrazione Raggi hanno lasciato profonde ferite nella Città Eterna e l’accoglienza non è forse stata quella che ci si aspettava, neppure per Donatella Bianchi, conduttrice del programma di Rai Uno Linea Blu, che sfiderà Alessio D’Amato, per il centrosinistra, e Francesco Rocca, per il centrodestra, alla guida della Regione.
>>> “Non vi voto più”. Il pensionato incontra Conte e gliele canta. L’imbarazzo dell’ex premier (il VIDEO)

conte arance fruttivendolo no pos

In un mercato, quello nel quartiere di Monteverde, degradato e che non offre riparo dalla pioggia, una struttura dichiarata più volte inadeguata dall’Ufficio d’igiene e che attende da decenni la riqualificazione, Conte si è soffermato a parlare delle variazioni dei prezzi negli ultimi tempi. Peccato che tutto ciò strida con la volontà di pagare tramite Pos, che tra commissioni bancarie, canone d’affitto e consumo di energia, è certamente controproducente per il commerciante, soprattutto per le spese contenute, come possono essere quelle dell’acquisto di arance.

Parlando della candidata, Donatella Bianchi, Giuseppe Conte ha affermato: “Incarna perfettamente i valori del Movimento, rappresenta al meglio il nostro programma politico, sociale ed ambientale ed è un nome condiviso con le altre forze politiche, sociali e civiche con cui stiamo condividendo il percorso, a partire da Coordinamento 2050“.

 Potrebbe interessarti anche: Salvini invoca la procedura infrazione contro l’Austria. Ecco perché (ilparagone.it)

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Lo “sporco gioco” dell’Austria: “Ostacola e danneggia le aziende italiane.” È crisi diplomatica: cosa succede

La virologa Viola sbaglia, lo dice la scienza. Il professor Bizzarri smonta l’assurda teoria