in

De Luca non ci sta: lo stop alle mascherine non gli va giù. Ecco l’ordinanza dello sceriffo ipocondriaco

Pubblicato il 21/06/2022 09:40

Il presidente della Campania Vincenzo De Luca continua a vestire i panni dello sceriffo del Covid. E mentre in tutta Italia alla fine anche il ministro Speranza è stato costretto a cedere, in Campania ci saranno ancora le mascherine obbligatorie fino al prossimo 30 giugno. L’obbligo è valido per tutto il personale e gli utenti negli uffici della Regione. Lo stabilisce l’atto di “raccomandazione”, nel quale vengono elencate le disposizioni stabilite nel decreto del Ministero della Salute del 15 giugno scorso. (Continua a leggere dopo la foto)

L’utilizzo dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie resta obbligatorio nei seguenti casi: su navi e traghetti adibiti a servizi di trasporto interregionale; sui treni impiegati nei servizi di trasporto ferroviario passeggeri; sugli autobus adibiti a servizi di trasporto di persone, ad offerta indifferenziata e sugli autobus adibiti a servizi di noleggio con conducente; sui mezzi impiegati nei servizi di trasporto pubblico locale o regionale; per gli utenti e ai visitatori delle strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali, incluse le strutture di ospitalità e lungodegenza, le residenze sanitarie assistite (RSA). (Continua a leggere dopo la foto)

Come spiega un quotidiano campano, Nuova Irpinia, “le mascherine sono obbligatorie in Campania nei luoghi e negli ambienti di lavoro delle pubbliche amministrazioni, e nelle attività produttive, industriali e commerciali (ad es., bar, ristoranti, negozi ed attività commerciali), in tutti i casi di condivisione degli ambienti di lavoro, al chiuso o all’aperto. Il Ministero della Salute e il Consiglio dei Ministri hanno già prorogato fino al 30 settembre l’obbligo di uso del dispositivo di protezione solo sui mezzi di trasporto, appunto: treni, navi, autobus, metropolitane”. (Continua a leggere dopo la foto)

La mascherina sarà necessaria anche per accedere alle strutture sanitarie e residenziali. Dopo una lunga battaglia, con ItalExit in testa, non saranno invece più obbligatorie per gli studenti impegnati negli esami per la licenza media e la maturità. Infine, nei luoghi al chiuso come cinema, palazzetti dello sport e teatri, si potrà entrare senza alcun dispositivo di protezione respiratoria. Prosegue l’obbligo, e non solo in Campania, fino al 31 dicembre 2022 per il personale sanitario.

Ti potrebbe interessare anche: Arcuri, ecco quanto ha guadagnato nell’anno da commissario all’emergenza. Scoperte le carte, scoppia un altro caso

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

L’Italia senza rete: difficoltà nella navigazione online in tutto il Paese, cosa sta succedendo

“Abbandonata su una barella accanto a un morto”: l’ennesima testimonianza choc da un ospedale italiano