in

Trump sfodera l’artiglieria pesante: 2000 miliardi di dollari per portare l’America fuori dalla crisi

Donald Trump ha mostrato i muscoli di fronte all’emergenza. Per rassicurare i mercati, le imprese costrette a chiudere i battenti, i lavoratori confinati a casa in attesa che termini l’incubo chiamato coronavirus. Lo ha fatto mettendo sul tavolo duemila miliardi di dollari, una cifra monstre che permetterà agli Stati Uniti di sopravvivere alla crisi economica e, spera la Casa Bianca, di rialzarsi più forti di prima. Ad annunciare il mega-intervento è stato il segretario del Tesoro Steven Mnuchin, dopo che repubblicani e democratici avevano raggiunto l’accordo.

Trump sfodera l'artiglieria pesante: 2000 miliardi di dollari per portare l'America fuori dalla crisi

Mancano ancora i passaggi alla Camera e al Senato per il definitivo via libera, ma la sensazione riportata dai media americani è che il Congresso si esprimerà all’unanimità. Un bazooka economico che andrà in soccorso delle fasce medio-basse, favorirà i prestiti alle imprese di ogni dimensione e metterà a disposizione dei fondi di salvataggio per quei settori che rischiano di pagare più di tutti il conto dell’emergenza Covid-19. Trump e la sua amministrazione si aspettano che la spinta serva a mettere in moto un circuito virtuoso da quattromila miliardi di dollari, cifra pari al 20% del prodotto interno lordo americano. Senza escludere, nelle prossime settimane, nuovi interventi.

Trump sfodera l'artiglieria pesante: 2000 miliardi di dollari per portare l'America fuori dalla crisi

Tra le varie misure contenute nel testo, oltre 500 pagine per una delle manovre più d’impatto nella storia a stelle e strisce, ci sono soprattutto gli assegni che saranno versati a tutti i contribuenti americani con un reddito annuale inferiore ai 75 mila dollari. 1200 euro a persona più 500 a figlio, per un totale massimo che non potrà superare i tremila. Un bonus che arriverà di sicuro per due mesi, forse per quattro. Dipenderà dalla durata della crisi e dalle risposte che arriveranno nei prossimi giorni sul fronte sanitario, dopo il boom di contagi che ha spaventato non poco la Casa Bianca: quasi 70 mila le persone che sono risultate positive in un arco temporale molto ridotto, con oltre mille morti già accertati.

Trump sfodera l'artiglieria pesante: 2000 miliardi di dollari per portare l'America fuori dalla crisi

Il piano americano prevede anche, punto particolarmente caro ai democratici, un potenziamento del sostegno ai disoccupati (a oggi, soltanto il 20-30% di loro riusciva ad accedere a delle forme di sussidio). Coperture saranno previste anche per i free-lance e i lavoratori a tempo, mentre 367 miliardi si trasformeranno in prestiti agevolati alle piccole imprese che si impegneranno a mantenere invariati i livelli di occupazione. Per le aziende più grandi, invece, la Federal Reserve costituirà un fondo da 425 miliardi, pronta ad attivare linee di credito per quelle più in difficoltà, con un ispettore generale nominato dal Congresso a garantire che lo strumento non venga usato a discrezionalità della Casa Bianca. Un intervento mastodontico, senza precedenti. Di fronte al quale le misure messe in campo dal governo italiano sembrano carezze.

Ti potrebbe interessare anche: https://www.ilparagone.it/attualita/casa-italia-giovani-mutuo/

Il grido d’allarme degli imprenditori: “Non sappiamo quante aziende sopravviveranno alla crisi”

I 600 euro annunciati da Conte? “Pochi e non toccheranno a tutti”. La rabbia degli esclusi dal bonus