x

x

Vai al contenuto

Guerra in Ucraina, la svolta è vicina. Ecco perché Zelensky sarà costretto a trattare

Pubblicato il 09/01/2024 09:25

La guerra in Ucraina è ormai prossima a una svolta necessaria. Lo hanno capito tutti, Zelensky in primis: è arrivato il momento di trattare coi russi. Dal canto suo, Putin è pronto a lanciare una nuova offensiva, che potrebbe essere quella definitiva, con l’obiettivo militare di riconquistare Kupyansk, occupata subito dalla prima ondata corazzata nel febbraio 2022 e poi liberata sette mesi dopo dalla riscossa ucraina. Una città strategica perché fa da cerniera tra il Donbass e la regione di Kharkiv. La lettura che dà Gianluca Di Feo su Repubblica a proposito dell’offensiva contro Kupyansk è che “serve anche per cercare di convincere gli ucraini a sedersi al tavolo delle trattative”. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Ecco perché sono solo bugie”. Roy De Vita contro tutti: “La verità sulla recrudescenza Covid e i vaccini” (VIDEO)

Un’ulteriore estensione della prima linea potrebbe creare grandi difficoltà ai generali di Kiev. Spiega ancora Di Feo: “La carenza di munizioni da parte dell’Ucraina è segnalata ovunque e il volume di fuoco dell’artiglieria è calato da ottomila a duemila colpi al giorno. Inoltre molte brigate hanno buchi paurosi nei ranghi. Il Cremlino invece da ottobre ha accumulato in quel settore quasi centomila uomini, con due unità che non partecipano alle operazioni dallo scorso marzo. Dopo avere cercato invano per tre mesi di sfondare le fortificazioni ucraine tra Kupyansk e Lyman, sono state ricostituite con i coscritti della mobilitazione”.

Ti potrebbe interessare anche: Cosa fa dopo la condanna a 74 frustate: la lezione di Roya alle femministe da salotto. Una storia sconvolgente