in

Prima il bagno in mare poi il malore improvviso. Giada aveva 29 anni

Pubblicato il 07/08/2022 10:14

È di questi giorni la pubblicazione dei dati dell’Office for National Statistics, ovvero l’Istat londinese, sull’eccesso di mortalità, ovvero dei morti per tutte le cause da gennaio 2021 a gennaio 2022, nella fascia d’età 18-39 anni dove si evidenzia come il tasso di mortalità ogni 100.000 abitanti risultava quasi sempre più alto tra i vaccinati che tra i non vaccinati. Dati che fanno il paio con quelli italiani che Indicano in 500 i morti in eccesso nella fascia degli under 40 durante i mesi della campagna di vaccinazione. (Continua dopo la foto)

Il fenomeno delle morti improvvise soprattutto nelle fasce d’età più giovani è ormai innegabile anche le cause che lo hanno e lo stanno generando restano ampiamente dibattute. Il dramma questa volta ha colpito una giovane donna di 29 anni in vacanza a Triscina frazione di Castelvetrano. Giada era appena entrata in acqua e dopo qualche bracciata si è spenta colpita da un improvviso malore. (Continua dopo la foto)

TRATTO DA “LA VERITÀ”

Giada aveva raggiunto al mare i genitori originari di Castelvetrano e in tarda mattina si era diretta al mare lasciando in casa il marito e il figlio piccolo. Sul posto anche i Carabinieri e la Polizia Municipale di Castelvetrano e il medico legale Angela Vento.

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Sembra in vacanza”. La foto di salvini che “sorveglia” i barconi di immigrati diventa un caso. Eccola

Salvini candida Figliulo per un ruolo nel prossimo governo. Ecco dove ritroveremmo il “generale vaccinatore”