Vai al contenuto

“Sui vaccini a mRna continuano a mentirci”. L’immunologo smonta un’altra balla: finalmente, la verità

Pubblicato il 11/01/2023 10:20 - Aggiornato il 12/01/2023 10:35

Tra i tanti ritornelli che ci siamo abituati ad ascoltare durante la pandemia, ce n’era uno che recitava più o meno così: “I vaccini a mRna sono l’unica salvezza dal Covid“. Un concetto ribadito da quasi tutti gli esperti che affollavano il piccolo schermo nei giorni in cui le aziende farmaceutiche lanciavano i loro prodotti sul mercato, incassando milioni e milioni di euro. E che oggi, come tante altri dogmi dei mesi passati, sta andando pian piano in pezzi. In questi giorni, a fronte di un aumento dei casi in Cina, molti analisti occidentali hanno puntato il dito contro il siero anti-Covid scelto dal governo di Pechino, il cosiddetto Sinovac. Sostenendo come “il loro vaccino sia meno efficace dei nostri”. Tanto che l’Unione Europea si è gentilmente offerta di regalare i propri, “miracolosi” farmaci ai cinesi. Secondo l’immunologo Alberto Mantovani, però, le cose non starebbero affatto così. (Continua a leggere dopo la foto)
>>>“Stop all’obbligo vaccinale per i militari”. La decisione del governo Usa: cosa succederà ora ai soldati congedati

“I vaccini cinesi sono efficaci”

Intervistato su Radio 24 da Alessandro Milan e Leonardo Manera, Mantovani ha infatti chiarito che il vaccino cinese “è efficace dopo tre dosi, numericamente, persino più dei nostri a mRna, anche se la differenza non è statisticamente significativa”. Chi sostiene che le difficoltà della Cina siano legate all’aver scelto altri farmaci per combattere il virus, insomma, ci sta raccontando una bugia. (Continua a leggere dopo la foto)

vaccini cinesi sono efficaci

E ancora, come spiegato da La Verità che ha ripreso l’intervista a Mantovani: “C’è un’evidenza in Cile, dove hanno vaccinato col vaccino cinese 10 milioni di persone e hanno avuto la possibilità di prevenire la malattia nel 65% dei casi, hanno prevenuto l’ospedalizzazione nel 90% dei casi”. Non bastasse, uno studio pubblicato dal Lancet infectious diseases “fa vedere che è meno efficace la prima dose, meno efficace la seconda, la terza dose è uguale e per gli ultraottantenni un po’ più efficace della nostra”. (Continua a leggere dopo la foto)

Opinione condivisa da un’altra esperta, Maria Rita Gismondo, che attraverso le pagine del Fatto Quotidiano ha tuonato: “È stata tirata in ballo l’inefficacia del vaccino cinese. Bufala”. Ne consegue che, come il Sinovac non è affatto inefficace, allo stesso tempo non sono certo miracolosi i nostri sieri a mRna. E che certe mitizzazioni non sono altro che sforzi, ennesimi, di una propaganda durissima a morire nonostante la fine dell’emergenza.

Ti potrebbe interessare anche: L’allarme dei ricercatori in merito alla sicurezza dei vaccini a mRNA