in

“Sono molto arrabbiata”. Volano stracci tra Bianca Berlinguer e Sigfrido Ranucci

Pubblicato il 01/12/2022 19:01

Caos tra le fila della Rai. Tra Bianca Berlinguer e Sigfrido Ranucci volano stracci, con la sfuriata della conduttrice proprio durante Cartabianca, il suo talk show politico in onda su Rai 3. Si respira un clima abbastanza pesante nei camerini, con il conduttore di Report reo di andare troppo spesso a far visita agli studi di La7. Lo ha fatto anche martedì, andando dalla “concorrenza”, Da Giovanni Floris, presenziando come ospite a Di Martedì. Come riporta Il Secolo d’Italia, i rapporti tra la Berlinguer e Ranucci sarebbero tutt’altro che idilliaci. Inoltre, La7 sarebbe ormai fin troppo avvezza agli sgarri a “mamma Rai”, andando spesso a pescare tra volti più noti di Rai 3. Ultimamente Bruno Vespa è stato più volte da Floris e da Giletti, seppur giustificato dalla promozione del suo nuovo libro. Ma non solo, perché anche Corrado Augias si lascia spesso invaghire dai salotti della rete di Cairo.
(Continua a leggere dopo la foto)

Come dicevamo, proprio durante la sua trasmissione, Bianca Berlinguer si è sfogata senza lasciar spazio a molti dubbi: “Questa sera non sono per niente assestata, tutt’altro. Sono molto arrabbiata ma non posso dirlo ai nostri telespettatori, non sarebbe giusto. Ma troverò il modo di comunicarlo”. Una frase pronunciata durante il suo canonico faccia a faccia con lo scrittore montanaro Mauro Corona. Il riferimento nemmeno troppo velato era per il collega Ranucci, il quale si trovava su La7 a parlare di vaccini, in piena contemporaneità con Cartabianca. Al che Bianca Berlinguer è sbottata: “Non mi dà fastidio (che se ne parli), ma siccome se ne sta parlando dall’altra parte, dal nostro concorrente, capisci…non mi avrebbe dato fastidio se se ne fosse parlato qua. Puoi esprimere solidarietà, ma preferirei soprassedere, è dai nostri concorrenti”. La conduttrice non è nuova a bacchettate verso Ranucci per le sue “scappatelle”.
(Continua a leggere dopo la foto)

Ma non c’è solo il noto conduttore di Report nel mirino della Berlinguer. La conduttrice, infatti, ha più volte manifestato il suo essere indigesta per i continui sforamenti dei tempi di Marco Damilano con il suo “Il cavallo e la torre”. La stessa buttò secchiate di veleno contro il direttore de L’Epresso: “Abbiamo ancora venti minuti – disse sul finire di una puntata di CartaBianca – intorno alle 23.40 . Anzi di più perché recupereremo quelli che ci hanno tolto facendoci partire in ritardo; cercando di rubarne meno al telegiornale di quanti ne sono stati presi a noi”. E anche Federica Sciarelli si lamentò con Damilano per il medesimo motivo, visto che in più di un’occasione il giornalista la costrinse a perdere minuti preziosi per il suo Chi l’ha visto?. Cosa che non deve essere passata inosservata tra i vertici Rai, visto che, stando alle indiscrezioni dell’esperto Marco Antonellis, sarebbero sul punto di farlo fuori o addirittura modificare radicalmente il palinsesto.
(Continua a leggere dopo la foto)

Ma non è tutto, perché i la magagne in Rai non finiscono qua. Secondo quanto riferisce Il Secolo, i dispettucci sarebbero all’ordine del giorno. Ad esempio, qualche tempo fa, uno sdegnato Maurizio Mannoni se la prese proprio con la Berlinguer che, andando in onda prima di lui, fu colpevole anch’ella dell’odiato “sforo”, costringendo al ritardo il suo Linea Notte. Lo stesso aveva avuto da ridire anche per le ospitate di Alessandro Orsini a Cartabianca, parlando addirittura di “dittatura assoluta del conduttore”, riferendosi alla collega. “Ormai il conduttore decide chi invitare, che linea dare al programma, tutto…”, si lamentò. Insomma, Rai 3 è una polveriera e potrebbe bastare qualche altra scintilla per fargli fare un bel “botto”.

Potrebbe interessarti anche: “Nominerà un successore”. Il biografo di Putin svela come si arriverà alla pace

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Nominerà un successore”. Il biografo di Putin svela come si arriverà alla pace

“Non sosterrò Trump”. A sorpresa Elon Musk svela il suo candidato ideale per la presidenza USA