Vai al contenuto

“Rubare è il mio lavoro, alla polizia non interessa”. Poi insulti e sputi a Striscia La Notizia (VIDEO)

Pubblicato il 14/03/2023 12:24 - Aggiornato il 17/03/2023 13:34

“Io faccio il mio lavoro, alla polizia non interessa”. Questa l’agghiacciante frase che si è sentito rivolgere l’inviato di Striscia la Notizia Valerio Staffelli, protagonista di un nuovo servizio sulle borseggiatrici in azione a Milano. Un tema già trattato in passato dal giornalista, con alcune incursioni in cui veniva mostrato il modus operandi delle criminali che prendono di mira gli ignari passanti. Nel tornare ancora una volta a occuparsi di questi spiacevoli episodi, Staffelli si è trovato di fronte la stessa donna che aveva sorpreso in precedenza a rubare. E così ha voluto chiederle chiarimenti sul suo comportamento, ricevendo delle risposte da far rabbrividire: il video è subito diventato virale. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “So solo rubare, guadagno fino a 1.000 euro al giorno”. L’agghiacciante confessione della borseggiatrice di Milano
>>> Furto dati bancari: siamo davvero al sicuro? Alcune regole per proteggere il nostro conto corrente

rubare striscia la notizia

Vedendo la borseggiatrice tornare in azione, Staffelli l’ha subito fermata: “Ma come, il giorno dopo senza problemi si torna subito a rubare?”. “Che cosa vuoi da me? – ha risposto la donna – Io faccio il mio lavoro. Il mio lavoro è rubare? Sì”. Il tutto accompagnato da insulti e da un sputo verso la telecamera che la stava riprendendo. (Continua a leggere dopo la foto)

La donna a un certo punto ha anche chiesto a Staffelli: “Che ti importa se io rubo?”. “A me interessa, perché non è corretto che tu vada rubare alla gente. Interessa anche alla polizia anche ai carabinieri” ha replicato a quel punto l’inviato. Sentendosi rispondere: “No, non interessa, non gli interessa niente alla polizia”. (Continua a leggere dopo la foto)

Nell’introduzione del servizio, Staffelli ha spiegato come “con la legge Cartabia le borseggiatrici a Milano sembrano essersi moltiplicate, perché di fatto il reato di furto e borseggio non è più perseguibile tramite denuncia d’ufficio, bensì saranno le vittime a dover querelare le lestofanti e portarle in tribunale. E questo ovviamente accade in rarissimi casi”.

Ti potrebbe interessare anche: “Boom di furti nelle abitazioni”. Criminali senza freno grazie anche a un nuovo trucchetto. Lamorgese dove sei?