in

“Rischio arresto per chi non indossa la mascherina”. Quarantena, in arrivo le nuove regole

Pubblicato il 19/07/2022 18:10

In arrivo le nuovissime e scintillanti regole della quarantena. Nonostante il picco dell’ondata capitanata da Omicron 5 sembri ormai passato, il Centro Europeo per il controllo delle malattie (Ecdc) lancia comunque il suo allarme: i tassi di notifica di nuovi casi Covid sono destinati ad aumentare, dunque bisogna accelerare sulle vaccinazioni. Di contro, l’obiettivo tutto italiano delle centomila dosi al giorno sembra essere ben lontano, visto il clamoroso flop della quarta dose, che ha visto le somministrazioni di 56 mila venerdì scorso, per arrivare alle 23 mila di sabato e poco meno di tremila di domenica.
(Continua a leggere dopo la foto)

Le nuove regole sulla quarantena

Tornando alle restrizioni, un documento presentato nei giorni scorsi dalle Regioni al ministero della Salute detta le basi della nuova “quarantena light”. Le anticipa La Stampa, raccontando come sia in arrivo la circolare che accorcerà l’isolamento: si uscirà subito con un solo test negativo e la durata minima sarà ridotta a 10 o 15 giorni. Nello specifico, le nuove regole della quarantena prevedono:
– la riduzione della durata minima a 10 o 15 giorni invece dei 21 di oggi;
– l’uscita di casa dopo un solo tampone negativo e 48 ore senza sintomi;
– il cambio di passo in autunno: niente più quarantena per gli asintomatici;
– l’obbligo di indossare una mascherina Ffp2: per i trasgressori si pensa a conseguenze penali.
(Continua a leggere dopo la foto)

Cambiano le regole sul test negativo

Come ben sappiamo, ad oggi, dopo un tampone positivo, si devono passare sette giorni in isolamento prima di tornare in libertà grazie ad un eventuale test negativo. Peccato che sia sorto un nuovo problema per i burocrati del governo: sono in aumento i casi di persone con test negativo ma che presentano lo stesso i sintomi da Covid-19. Visto che in queste situazioni solitamente succede che il test negativo arriva solo dopo una settimana, il ministero ha pensato di variare le regole per gestire anche questi casi. Con la nuova circolare, infatti, chi non ha più sintomi da 48 ore e risulta negativo al test in farmacia sarà subito libero.
(Continua a leggere dopo la foto)

Sanzioni penali per chi non indosserà la mascherina

Dunque, la circolare del ministro della Salute, Roberto Speranza, dovrebbe portare anche alla riduzione del tempo di isolamento massimo di 21 giorni. La Stampa anticipa che tale limite potrebbe essere portato a 10 o 15 giorni. Ma se con una mano si toglie, con l’altra si aggiunge. Usanza tipica del governo italiano in molti campi. C’è chi teme che in autunno, con il probabile arrivo della cosiddetta variante Centaurus, la situazione possa peggiorare. Per questo motivo l’abrogazione della quarantena per gli asintomatici si accompagna ad un’ulteriore stretta: chi verrà “beccato” senza mascherina, infatti, sarà sanzionato sia penalmente che amministrativamente, così come oggi previsto per chi infrange l’obbligo di isolamento domiciliare. Ad oggi le sanzioni prevedono l’arresto da 3 a 18 mesi e un’ammenda da 500 a 5000 euro. Se ne vedranno delle belle.

Potrebbe interessarti anche: Arrestati 4 sindacalisti SI Cobas: “Un attacco politico contro il diritto di sciopero”. Cosa sta succedendo

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Arrestati 4 sindacalisti SI Cobas: “Un attacco politico contro il diritto di sciopero”. Cosa sta succedendo

Ricordo di Paolo Borsellino