in

Pensione ridotte. Draghi taglia sulla pelle dei più deboli. Ecco a chi toccheranno meno soldi e quanti in meno

Pubblicato il 04/07/2022 09:31

In uno scenario sempre più inquietante per le famiglie italiane, alle prese con le devastanti conseguenze delle sanzioni applicate dall’Europa alla Russia di Putin e con una crisi economica figlia delle restrizioni adottate dalla politica per contrastare il Covid, le brutte notizie continuano a susseguirsi a ritmo record. Interessando, mese dopo mese, ogni fronte: ultimo in ordine cronologico quello pensionistico, con tagli che potrebbero arrivare fino al 18% in alcuni casi.

Come riportato dal Sole 24 Ore, infatti, per le pensioni con uscita a 64 anni e contributivo “i tagli vanno dal 10 al 18%”. Secondo le indiscrezioni trapelate dal governo, infatti, si starebbe cercando di stringere i tempi per una revisione del sistema pensionistico, con quota 102 destinata a essere superata entro la fine del 2022. L’ipotesi al momento sul tavolo dell’esecutivo è quella di rendere accessibile a tutti l’uscita a 64 anni, con 20 anni di contributo.

I sindacati premono per 62 anni al posto di 64, ma c’è da fare attenzione soprattutto alle penalizzazioni: “Dalle simulazioni tecniche effettuate negli scorsi mesi, che hanno fatto capolino al tavolo governo-sindacati – si legge sul Sole 24 Ore – emerge che con il ricalcolo contributivo la riduzione dell’assegno dei lavoratori in regime ‘misto’ (mix di contributivo e retributivo per coloro che al 31 dicembre 1995 non erano in possesso di più di 18 anni di versamenti) oscillerebbe sostanzialmente tra il 10 e il 18%”.

Il picco di una riduzione del 18% del trattamento pensionato anticipato “riguarderebbe un numero limitato di lavoratori in possesso fino a 17 anni di versamenti al momento ‘agganciati’ al retributivo. Molto più ampia – sottolinea il Sole 24 Ore – invece sarebbe la fetta di soggetti con una quota di contribuzione fino a sei anni riconducibile al ‘retributivo’ per i quali scatterebbe una riduzione dell’assegno non superiore al 10%”.

Ti potrebbe interessare anche: Pandemia a trasmissione sessuale. E per non restar “disoccupati”, ecco cosa s’inventano le virostar

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Scioperi e voli cancellati, ecco perché le vacanze sono a rischio. Come ottenere il rimborso

70 sanitari positivi e l’ospedale resta senza più infermieri. È emergenza totale