in

Marcia indietro sul tetto al contante. Dopo tanti annunci la maggioranza si arrende: “L’ennesima delusione”

Pubblicato il 17/11/2022 20:52 - Aggiornato il 18/11/2022 00:42

Ci siamo, il cosiddetto Decreto Aiuti quater è in via di ufficializzazione. Sebbene non sia ancora stato pubblicato in Gazzetta, l’ultima bozza è ormai di dominio pubblico. E sorpresa delle soprese: il rialzo del tetto al contante a 5mila euro è scomparso. Un po’ come successo per il congelamento delle multe agli over 50 non vaccinati. La Lega rassicura: “Sarà inserito in legge di Bilancio”, ma intanto un’altra norma data per approvata finisce nell’oblio senza certezza di riapparizione.
(Continua a leggere dopo la foto)

Le promesse della politica sono sempre abbastanza effimere. Come dicevamo, la nuova norma sul rialzo al tetto del contante potrebbe dunque trovare spazio nella legge di Bilancio in discussione la prossima settimana, probabilmente lunedì 21 novembre 2022. Potrebbe, appunto. Perché era attesa per questa tornata, non la prossima. L’innalzamento a 5.00 euro era già contenuto nell’articolo 6 dell’ultima bozza, quella entrata in Consiglio dei ministri il 10 novembre scorso. “All’articolo 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231 sono apportate le seguenti modificazioni: (…) al comma 3-bis, secondo periodo, le parole “1.000 euro” sono sostituite dalle seguenti “5.000 euro”. Questo quanto si legge. Fatto sta che, a quanto pare, su certi argomenti ampiamente sbandierati ai quattro venti non sembra esserci poi tutta questa urgenza.
(Continua a leggere dopo la foto)

La manovra slitta e forse se ne tornerà a discutere nei prossimi giorni. Se dovesse effettivamente essere inserito nella legge di bilancio, l’innalzamento a 5mila entrerà in vigore in Italia non prima del 1 gennaio del 2023. Ma di cosa si tratta per l’esattezza? Come spiega ilgiornaleditalia.it, esso rappresenta, in sostanza, un limite all’uso del contante per determinate operazioni. Superata quella cifra, superato scattano le sanzioni. Le transazioni soggette al tetto al contante sono, ad esempio, le seguenti: trasferimento di denaro contante in euro o in valuta estera; trasferimento di titoli al portatore in euro o valuta estera; libretti di deposito bancari o postali al portatore.

Potrebbe interessarti anche: Multe ai no vax, tutto in bilico. L’incertezza del Ministro della Salute: “Vedremo se ci saranno provvedimenti”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Iniziano ad arrivare!” Multe ai non vaccinati, la vergognosa decisione del ministro Schillaci

Microchip sottopelle, il primo test di massa. Ecco come funziona e dove hanno iniziato ad usarlo