Vai al contenuto

“Ecco come Hamas li ha sorpresi.” Scoop del New York Times sulla strategia flop di Israele: “Vi mostriamo le prove”

Pubblicato il 31/10/2023 09:13 - Aggiornato il 31/10/2023 09:41
New York Times Israele

Prima dell’attacco di Hamas del 7 ottobre, il primo ministro di Israle Benjamin Netanyahu e i massimi funzionari della sicurezza credevano che le maggiori minacce per loro fossero l’Iran e Hezbollah. Anni di fallimenti israeliani nei confronti di Hamas, e lo stop a l monitoraggio, alle intercettazioni e ai servizi di intelligence, hanno portato a un attacco devastante. I funzionari israeliani hanno completamente sottovalutato la portata degli attacchi del 7 ottobre da parte di Hamas, mandando in frantumi il senso di sicurezza, un tempo invincibile, del Paese. Erano le 3 del mattino del 7 ottobre e Ronen Bar, il capo del servizio di sicurezza interna israeliano, non riusciva ancora a determinare se ciò a cui stava assistendo fosse solo un’altra esercitazione militare di Hamas. Nel quartier generale del suo servizio, lo Shin Bet, i funzionari avevano trascorso ore a monitorare l’attività di Hamas nella Striscia di Gaza, che era insolitamente attiva nel cuore della notte. I funzionari dell’intelligence israeliana e della sicurezza nazionale, che si erano convinti che Hamas non avesse alcun interesse ad entrare in guerra, inizialmente presumevano che si trattasse solo di un’esercitazione notturna. Il loro giudizio quella notte avrebbe potuto essere diverso se avessero ascoltato il traffico dalle radio portatili dei militanti di Hamas. È quanto ha scoperto il New York Times. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Ecco come la Cgil gonfia le sue casse”. La denuncia de Il Giornale: “Svelato il trucco”, nuova bufera su Landini
>>> “Hanno nascosto i morti!” Ecco le prove che inchiodano Pfizer: “Ora può cambiare tutto”

New York Times Israele

In un articolo firmato da Ronen Bergman, Mark Mazzetti e Maria Abi-Habib, sul New York Times, viene spiegato come si è arrivati a un attacco così devastante da parte di Hamas nei confronti di Israele. L’Unità 8200, l’agenzia israeliana di intelligence dei segnali, aveva smesso di intercettare quelle reti un anno prima perché lo considerava uno spreco di sforzi. E questa è ora l’accusa più pesante nei confronti del premier Netanyahu. Un errore pagato ad altissimo prezzo. Nell’attacco del 7 ottobre furono uccise più di 1.400 persone, tra cui molte donne, bambini e anziani, assassinati sistematicamente e brutalmente. Centinaia sono tenuti in ostaggio o risultano ancora dispersi. Israele ha risposto con una feroce campagna di bombardamenti su Gaza, uccidendo più di 8.000 palestinesi e ferendone altre migliaia, secondo il ministero della Sanità gestito da Hamas. Domenica l’esercito israeliano ha segnalato un attacco più pesante a Gaza, affermando di aver ampliato la sua incursione di terra durante la notte. Ma cosa è andato storto, prima? È questa la domanda delle domande. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Zucchero, insalata, ketchup e non solo: cambia tutto. Ecco come l’Europa rivoluziona la nostra spesa

New York Times Israele

È chiaro che gli attacchi sono stati possibili a causa di una cascata di fallimenti negli ultimi anni – non di ore, giorni o settimane. Un’analisi del New York Times, basata su dozzine di interviste con funzionari israeliani, arabi, europei e americani, nonché su un esame dei documenti del governo israeliano e delle prove raccolte dopo il raid del 7 ottobre, mostra che: “Funzionari della sicurezza israeliani hanno trascorso mesi cercando di avvertire Netanyahu che i disordini politici causati dalle sue politiche interne stavano indebolendo la sicurezza del Paese e incoraggiando i nemici di Israele. Secondo i funzionari israeliani, un giorno di luglio si rifiutò persino di incontrare un generale anziano che era venuto a consegnare un avvertimento di minaccia basato su informazioni riservate”. E ancora: “I funzionari israeliani hanno valutato male la minaccia rappresentata da Hamas per anni, e in modo ancora più critico nel periodo precedente l’attacco. La valutazione ufficiale dell’intelligence militare israeliana e del Consiglio di sicurezza nazionale dal maggio 2021 era che Hamas non aveva interesse a lanciare un attacco da Gaza che potesse provocare una risposta devastante da parte di Israele, secondo 5 persone a conoscenza delle valutazioni che hanno parlato delle condizioni di anonimato per discutere dettagli sensibili. Invece, l’intelligence israeliana ha valutato che Hamas stesse cercando di fomentare la violenza contro gli israeliani in Cisgiordania, che è controllata dal suo rivale, l’Autorità Palestinese”. (Continua a leggere dopo la foto)

New York Times Israele

Negli ultimi anni le agenzie di spionaggio americane avevano in gran parte smesso di raccogliere informazioni su Hamas e i suoi piani, ritenendo che il gruppo rappresentasse una minaccia regionale gestita da Israele. “Nel complesso – scrive il New York Times nella sua analisi – l’arroganza dei funzionari politici e di sicurezza israeliani li ha convinti che la superiorità militare e tecnologica del Paese rispetto ad Hamas avrebbe tenuto sotto controllo il gruppo terroristico”. Molti alti funzionari hanno accettato la responsabilità, ma Netanyahu no. All’una di notte di domenica in Israele, dopo che al suo ufficio è stato chiesto un commento su questo articolo, ha pubblicato un messaggio su X, ex Twitter, in cui ripeteva le osservazioni fatte al New York Times e incolpava i servizi militari e di intelligence per non avergli fornito con qualsiasi avvertimento su Hamas. “In nessuna circostanza e in nessun momento il Primo Ministro Netanyahu è stato avvertito delle intenzioni di guerra di Hamas”, si legge nel post in ebraico. “Al contrario, la valutazione dell’intero livello di sicurezza, compreso il capo dell’intelligence militare e il capo dello Shin Bet, era che Hamas fosse scoraggiato e stesse cercando un accordo”. (Continua a leggere dopo la foto)

New York Times Israele

Separatamente – rivela ancora il New York Times – il generale Herzi Halevi, capo di stato maggiore dell’esercito, ha cercato di trasmettere gli stessi avvertimenti a Netanyahu. Il primo ministro ha rifiutato di incontrarlo, hanno detto i funzionari. L’ufficio di Netanyahu non ha risposto a una richiesta di commento su questo incontro. Gli avvertimenti dei generali si basavano in gran parte su una serie di provocazioni avvenute al confine settentrionale di Israele. I funzionari israeliani credevano che Hezbollah stesse guidando la pianificazione di un attacco coordinato contro Israele, ma non tale da provocare una guerra totale. Le preoccupazioni dei funzionari crebbero durante agosto e settembre, e il generale Halevi rese pubbliche le sue preoccupazioni. Gli alleati di Netanyahu sono andati alla televisione israeliana e hanno condannato il generale Halevi per aver seminato il panico. Anche Washington e le agenzie di intelligence americane hanno via via dedicato sempre meno risorse alla raccolta di informazioni sul gruppo. Dopo la fine dei combattimenti, i soldati israeliani hanno trovato radio portatili sui cadaveri di alcuni militanti di Hamas: le stesse radio che i funzionari dell’intelligence israeliana avevano deciso un anno fa non valeva più la pena monitorare.

Ti potrebbe interessare anche: “Giambruno?”. Gruber provoca, Cacciari la distrugge così: risposta epica (VIDEO)