Vai al contenuto

“Dopo la seconda dose mi sentivo morire”. Terremoto Elon Musk: senza freni su Twitter. Cosa ha scritto

Pubblicato il 22/01/2023 13:43

“Dopo la seconda dose di vaccino sono stato malissimo. Per giorni mi sono sentito come se stessi morendo”: ora che Twitter è “suo”, Elon Musk può cinguettare quello che vuole e nessuno lo potrà censurare. Un po’ lo invidiamo, dunque, e non per i fantastiliardi che possiede, ma proprio per questa sua voce libera. Stanno facendo il giro del mondo in queste ore le dichiarazioni – per la precisione, i tre tweet – del fondatore di Tesla e visionario imprenditore lanciato alla conquista dello spazio. Nel primo cinguettio di ieri, quello con cui abbiamo aperto l’articolo, Musk aggiunge anche che non ha riportato danni permanenti al momento, tuttavia porta in seguito l’esempio di suo cugino che è stato ricoverato “per un serio caso di miocardite”, dopo la vaccinazione, precisando come lo stesso sia “giovane e in piena salute”. Il primo tweet di Elon Musk era in risposta a un sondaggio di Scott Adams per Rasmussen Reports, dedicato agli effetti aversi dei vaccini e alla consapevolezza in merito ad essi. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> «Indagate Fauci, ha mentito al congresso». L’accusa è pesante e l’accusatore ancor di più

Ecco, dunque, il (primo) tweet integrale di Musk: “Ho contratto il Covid-19 prima che uscissero i vaccini ed è stato fondamentalmente un lieve raffreddore. Poi ho ricevuto una dose del vaccino Johnon & Johnson senza effetti negativi […] ma il secondo booster mi ha distrutto”. Ancora più interessante il secondo cinguettio: “Ho avuto importanti effetti collaterali dalla mia seconda dose mRNA di richiamo. Mi sono sentito come se stessi morendo per diversi giorni. Spero che non ci siano danni permanenti, ma non lo so”, ha aggiunto, ancora in risposta al post di Scott Adams. Poi, nel terzo commento su Twitter, ha citato la miocardite che ha colpito il cugino. (Continua a leggere dopo la foto)

Musk seconda dose twitter

Era solo dicembre quando lo stesso Elon Musk fece parlare di sé e dei suoi dubbi sulla gestione dell’emergenza Covid negli Stati Uniti: “Indagate Fauci“, scrisse sempre su TwitterIl virologo della Casa bianca, come recitava la seconda e più esplosiva parte del post, “ha mentito al Congresso e ha finanziato ricerche con la tecnica del guadagno di funzione che hanno ucciso milioni di persone”. Tornando ancora più indietro, al 2020, l’imprenditore sudafricano con base in California si disse fortemente contrario ai vaccini Covid e polemizzò a distanza con Bill Gates.

Potrebbe interessarti anche: “Chi beve vino ha il cervello più piccolo”, per l’immunologa Antonella Viola (ilparagone.it)