in

Mascherine, ennesima rivoluzione: cambiano le regole, cosa ha deciso il governo

In vacanze con le mascherine, Speranza e il governo pronti a varare un nuovo decreto: dove saranno obbligatorie (e fino a quando)

Pronta l’ennesima rivoluzione sul fronte mascherine, dopo che nei mesi scorsi a prevalere era stata la linea della prudenza. Le ultime, feroci polemiche da parte delle famiglie italiane stanno spingendo il governo a rivedere le proprie posizioni, anche di fronte alle immagini che continuano ad arrivare da tutto il Paese: ha senso, per esempio, consentire ai tifosi della Roma di accalcarsi nei festeggiamenti per la vittoria della Conference League e lasciare invece l’obbligo di protezione per il viso a scuola? E così a breve, stando alle ultime indiscrezioni, dovrebbe arrivare la retromarcia. (Continua dopo la foto)

Con l’avvento del caldo e le temperature in rialzo, gli studenti potrebbero abbandonare il dispositivo di protezione prima del termine dell’anno scolastico, che si chiuderà con gli esami. Stando alle regole attuali, i ragazzi dovrebbero continuare a indossare le mascherine chirurgiche anche nelle prossime settimane, con obbligo di mascherina Ffp2 nelle scuole primarie e secondarie per 10 giorni nel caso di verifichino almeno quattro casi di positività tra gli studenti. Le novità potrebbero però arrivare in tempo per gli esami: per la maturità la prima prova è fissata per mercoledì 22 giugno, mentre per l’esame di terza media la data la decidono le singole scuole. Le prove devono comunque concludersi entro il 30 giugno. (Continua dopo la foto)

In vacanze con le mascherine, Speranza e il governo pronti a varare un nuovo decreto: dove saranno obbligatorie (e fino a quando)

Voci sempre più insistenti parlano della possibilità che il ministero della Salute si decida per l’eliminazione dell’obbligo in anticipo rispetto al termine previsto, permettendo così agli studenti di fare gli esami senza le mascherine. In questo senso, è atteso un decreto che, arrivando tra la fine di maggio e i primi di giugno, entrerebbe in vigore non appena pubblicato, dando così la possibilità ai ragazzi di dire finalmente addio ai dispositivi di protezione e svolgere almeno le verifiche di fine anno in libertà. (Continua dopo la foto)

Un punto sul quale si è già detto d’accordo il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, che alle pagine di Fanpage ha spiegato in queste ore: “È possibile fare a meno delle mascherine in classe adesso, anche perché gli spazi per gli esami spesso sono anche più ampi delle normali aule, quindi sarebbe possibile garantire il distanziamento necessario tra i banchi. Sono convinto che soprattutto durante le lezioni, quando i nostri ragazzi e i nostri bambini sono seduti al proprio posto, si possano togliere le mascherine e mi auguro che ci possa essere lo spazio per fare un ulteriore riflessione pur consapevole che siamo certamente ormai vicini alla scadenza dell’anno scolastico. Sarebbe un ulteriore segnale di fiducia ai cittadini”.

Ti potrebbe interessare anche: Finita la sbornia da Pnrr, ora dobbiamo pagare. La truffa dell’Europa è servita

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

L’effetto dell’addio alle mascherine sui contagi: gli ultimi dati dell’Iss sono la pietra tombale su Speranze e le sue follie

Speranza perde voti e si inventa un’altra quarantena: l’ennesima sparata dell’ineffabile ministro della Propaganda (e della Salute)