in

Lunedì 4 luglio alle 21, a Milano, spettacolo teatrale di Gianluigi Paragone con Francesco Borgonovo

Pubblicato il 01/07/2022 13:00 - Aggiornato il 03/08/2022 13:54

Viviamo in un mondo difficile. Un mondo lanciato a mille all’ora verso una modernità disumanizzante, una società ipertecnologica in cui le persone sono destinate a diventare ingranaggi di un meccanismo che le sovrasta e le omologa. Nel linguaggio, nel modo di vivere, nei gusti e nelle proposte culturali. Multinazionali sempre più invasive come Amazon si dedicano a pieno regime alla raccolta dei dati personali, la vera nuova ricchezza di questi tempi confusi. La privacy diventa un lontano ricordo. Il controllo del Leviatano universale, quel Nuovo Ordine Mondiale di cui tanto si parla, assume proporzioni orwelliane.

E l’uomo, inglobato in questo universo invasivo e inarrestabile, si sente perduto, privo di punti di riferimento. Incastrato nei meccanismi di una tecnologia subdola che affascina soprattutto i più giovani. Social, telefonini, metaversi in arrivo offrono un divertimento apparente, vuoto e superficiale. Un divertimento che è come il miele per le mosche, perché in quella rete resteranno tutti invischiati, prigionieri di un gigantesco archivio gestito da pochi privilegiati.

C’è modo di sottrarsi a questo futuro che sembra uscito da un brutto film di fantascienza? A parlarcene sarà Gianluigi Paragone, nelle vesti di attore, pensatore e divulgatore, Lunedì 4 luglio allo Spazio Ride di via Valenza a Milano. Lo spettacolo teatrale, non a caso, si intitola “Moderno sarà lei”. Un modo spiritoso per far capire da subito che c’è chi non è disposto a omologarsi ma intende lottare per salvare lo spirito dell’uomo, la sua libertà e anche le sue fragilità. A introdurre lo spettacolo sarà un intervento del giornalista Francesco Borgonovo, un altro alfiere della resistenza contro le derive della modernità, con un monologo dal titolo altrettanto significativo: “Magia Nera”.
La serata sarà gratuita con ingresso libero fino a esaurimento posti.

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“Non abbiamo uomini e mezzi sufficienti”. Roma brucia e Gualtieri si dimentica dei pompieri

Gas, l’annuncio che spiega tutto. Ecco perché c’è la guerra in Ucraina e qual era il vero obiettivo di Biden