Vai al contenuto

Lo scatto che inguaia la “nuova”leader della sinistra: “Moralisti e ipocriti!” (FOTO)

Pubblicato il 14/12/2022 19:31

Anche Elly Schlein, presumibilmente lanciata verso la guida del Partito democratico, inciampa nello scandalo Qatargate. Precisiamo: la giovane promessa della sinistra nostrana non è indagata, ma è da sempre vicina al mondo delle Ong sedicenti umanitarie e paladina dell’accoglienza ad ogni costo. Dunque, Susanna Ceccardi, eurodeputato della Lega, ha tirato fuori una foto “invecchiata male”: una bella immagine della Schlein con Antonio Panzeri, il dominus della corruzione emersa con l’inchiesta nota come Italian connection. Entrambi mostrano un cartello con su scritto, in inglese, “I nostri diritti non sono negoziabili”. Hanno ripreso la foto, postata su Twitter dalla Ceccardi, diverse testate, tra cui Libero e il Giornale. Insomma, il nuovo che avanza assomiglia al vecchio che torna. Ammesso se ne fosse mai andato.

Dietro la facciata umanitaria di Antonio Panzeri, che ha fondato la Ong Fight Impunity finita al centro dello scandalo, e della intera sinistra europea, pare ci sia del marcio, cristallizzato nei 600mila euro in contanti trovati a casa di Panzeri, così come altre somme ingenti erano nella abitazione dell’ex vice presidente del Parlamento europeo, Eva Kaili, divisi in buste, borse e trolley. Tutti, ma proprio tutti gli indagati e gli arrestati fanno riferimento alla sinistra e al gruppo parlamentare dei Socialisti e democratici. (Continua a leggere dopo la foto)

Ha buon gioco Susanna Ceccardi a citare la scritta sui cartelli, aggiungendo, nel suo tweet, una postilla: “I nostri diritti non sono negoziabili… per meno di 600.000 euro!”. Proprio in queste ora, e ne diamo conto QUI, Fausto Biloslavo de il Giornale citava anche la stesa Elly Schlein nella lista degli “alleati affidabili” di George Soros, il Grande Vecchio delle politiche mondialiste e finanziatore delle Ong, secondo la Open society fondata dal magnate. (Continua a leggere dopo la foto)

Appena ieri, Schlein aveva preso la tessera del Pd, alla Bolognina, e la scalata alla segreteria sembra tuttora assai probabile. Evidentemente non se lo aspettava, ma ora sarà più attenta a farsi scattare delle foto.

Anche dopo che sui social è emersa una sua immagine con Aboubakar Soumahoro, quello che oggi pare che nessuno conoscesse. Ed ecco adesso un’altra immagine che la mette in imbarazzo.

Ti potrebbe interessare anche: George Soros e non solo. Ecco cosa si nasconde dietro la lobby legale che sostiene il Qatar – Il Paragone