in

Le trappole della legge elettorale. Come evitare che annullino il nostro voto

Pubblicato il 13/09/2022 19:50

Un articolo pubblicato sull’edizione odierna de La Verità spiega in modo approfondito come utilizzare correttamente lo strumento del voto, illustrando quali possono essere le trappole insite nel sistema elettorale attualmente in vigore, ovvero quello denominato “Rosatellum”. Com’è noto, il 25 settembre si voterà per le elezioni politiche. Le urne saranno aperte dalle 7 alle 23 e gli italiani saranno chiamati a scegliere 400 deputati alla Camera e 200 senatori, ricevendo in dotazione due schede di diverso colore: una rosa per la Camera e una gialla per il Senato. Si tratta di un numero inferiore di un terzo rispetto alle precedenti legislature per effetto della nuova riforma sul taglio dei parlamentari. I dati su affluenza e scrutini saranno diffusi in tempo reale sulla piattaforma Eligendo.
(Continua a leggere dopo la foto)

Ma le novità non si fermano qui. Per la prima volta, infatti, tutti i maggiorenni potranno votare sia per la Camera che per il Senato. Dunque, non sarà più necessario avere 25 anni per ricevere la scheda relativa candidati senatori. Il famigerato Rosatellum non è mai stato modificato dai governi che si sono succeduti negli ultimi 5 anni, quindi si voterà ancora con un mix di proporzionale e maggioritario. Attraverso il proporzionale si eleggono i 2/3 dei parlamentari, con il maggioritario il restante 33%. Sulle schede compariranno i nomi dei candidati in quel preciso collegio uninominale collegati alle rispettive liste o coalizioni. Per quanto concerne questo tipo di candidati, quello che riceve più voti in quel determinato collegio risulta automaticamente eletto. Ma è qui che possono nascere i primi dubbi.
(Continua a leggere dopo la foto)

Accanto ad ogni simbolo di partito, ci saranno quattro nomi con alternanza di genere. E’ il cosiddetto listino proporzionale. Tracciando un segno solo sul nome del candidato per l’uninominale, daremo il voto a lui per quel che riguarda la parte maggioritaria, e alla lista collegata per il proporzionale. Se il candidato è collegato a una coalizione, il voto verrà anche ripartito tra le diverse liste della coalizione stessa, in proporzione ai voti ottenuti nel collegio. Tracciando un segno invece sul simbolo di un partito, il nostro voto andrà a quel partito per quel che riguarda la parte proporzionale e al candidato collegato per quel che riguarda l’uninominale. Dunque si potranno tracciare anche due segni: uno sul nome del candidato all’uninominale e uno sul simbolo del partito scelto. La scheda sarà valida anche se si traccia un segno sul listino da quattro nomi e sul simbolo accanto: in questo caso, il nostro voto andrà automaticamente anche al candidato nel maggioritario.
(Continua a leggere dopo la foto)

Ecco invece un errore da evitare assolutamente: tracciare un segno sul nome di un candidato all’uninominale e un altro sul simbolo di un partito collegato a un altro candidato comporterà l’annullamento diretto della scheda. Non esiste, infatti, l’opzione del voto disgiunto. Il meccanismo del maggioritario è abbastanza semplice: il candidato che prende un voto più degli altri in quel collegio diventa parlamentare. Per la parte proporzionale, invece, il meccanismo della distribuzione dei seggi è un po’ più complicato.
(Continua a leggere dopo la foto)

La legge consente a una persona di candidarsi in un solo collegio uninominale e/o in collegi plurinominali (fino a cinque). Il dubbio più diffuso è su come si faccia a stabilire in quale collegio scatta l’elezione. Per meglio comprendere come funziona questa parte bisogna premettere che chi risulta eletto nel maggioritario, ed è candidato anche in uno o più listini proporzionali, “sparisce” da questi ultimi. Facciamo un esempio pratico: se Marco Rossi è candidato nel collegio uninominale di Roma, e anche in diversi collegi plurinominali in altre parti d’Italia, la sua casella viene riempita, nei listini, dal nome immediatamente successivo. Se ad esempio Rossi oltre a essere candidato all’uninominale di Roma è anche capolista nel listino proporzionale, e risulta eletto anche lì, al suo posto, nella parte proporzionale, scatterà il numero due del listino. Se in quel collegio proporzionale il partito di Rossi ha eletto due candidati del listino, scatteranno il numero due e il numero tre. Se Rossi invece non era capolista, ma era al numero due del listino proporzionale, essendo eletto nel maggioritario andranno in Parlamento il numero uno e il numero tre, con quest’ultimo che prenderà il posto di Rossi.
(Continua a leggere dopo la foto)

Se invece un candidato risulta eletto in più listini proporzionali, il discorso cambia ancora. Riprendiamo l’esempio precedente per fare più, chiarezza. Mettiamo caso che il nostro Marco Rossi è candidato capolista di Italexit in tre collegi proporzionali, e il partito raggiunge il quorum necessario per farlo eleggere in tutti e tre i collegi, la domanda è “In quale di questi collegi Rossi risulterà eletto?” Ebbene, nel collegio dove il partito ha preso meno voti. Rossi sarà eletto lì, “scomparendo” dagli altri due listini proporzionali nei quali era capolista, lasciando così spazio per l’elezione a chi si trova al numero due e così via a scorrimento dei listini stessi.
(Continua a leggere dopo il video)

Dunque, come abbiamo visto, il sistema di distribuzione dei seggi è abbastanza complicato, mentre il voto per i cittadini risulta essere abbastanza semplice. Il modo più facile per non sbagliare e per esprimere la propria preferenza politica è quello di barrare con un segno il simbolo del partito scelto. In questo modo, saremo sicuri di votare per il partito e per i suoi candidati nel listino proporzionale e anche per il candidato della lista o della coalizione per quel che riguarda il collegio uninominale. Questo vale sia per la Camera, sia per il Senato. Le indicazioni di voto fornite da Italexit potranno chiarire ulteriormente la situazione.

Potrebbe interessarti anche: “Non meno di 4 persone”. L’austerity colpisce anche le automobili. Siamo al delirio

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Non meno di 4 persone”. L’austerity colpisce anche le automobili. Siamo al delirio

8mila euro al mese, ma non sono italiani. Dopo quello dei medici scoppia lo scandalo degli “infermieri d’oro”