in ,

“La trasformazione della politica in amministrazione, la sostituzione del lavoro…”

Analisi e Citazioni di Lorenzo Borrè

La trasformazione della politica in amministrazione, la sostituzione del lavoro specializzato con la macchina, la ridefinizione dell’istruzione come ‘selezione di forza lavoro’, concepita non tanto per fornire abilità ma per classificare i lavoratori e assegnarli o alla classe ristretta degli amministratori, dei tecnici e dei manager con potere decisionale o alla più vasta classe dei lavoratori con una specializzazione minima che si limitano a eseguire le istruzioni, hanno gradualmente trasformato un sistema produttivo fondato sull’artigianato e sullo scambio locale in una rete complessa e integrata di tecnologie basate sulla produzione di massa, sul consumo di massa, sulla comunicazione di massa, sulla cultura di massa: basato sull’assimilazione di tutte le attività -anche di quelle appartenenti un tempo alla vita privata- alle esigenze del Mercato.
Christopher Lasch

Multinazionali, guerra al cioccolato italiano: la storica Caffarel e i lavoratori a rischio

Conte vuol farsi un suo partito. Ecco quanto varrebbe nelle urne