Vai al contenuto

Attacco alla Meloni: “Indegna, vergognosa, cabarettista”. Il ridicolo intervento della deputata grillina in aula. (VIDEO)

Pubblicato il 14/12/2022 19:56 - Aggiornato il 18/12/2022 11:13

Sono solo tre degli epiteti che la deputata del Movimento cinque stelle Vittoria Baldino ha inteso dedicare alla presidente del Consiglio, Giorgia Meloni: “Indegna, vergognosa, cabarettista”. I grillini tornano alle origini, al partito del Vaffa… Non cambieranno mai. Effettivamente ci annoiavano la retorica del movimento responsabile, il nuovo understatement di Di Maio, l’avvocato del popolo Giuseppe Conte. Sono nati sbraitando, d’altronde.

Ma andiamo con ordine. Nel corso del dibattimento in Senato sul Consiglio dell’Unione europea che si terrà domani e venerdì, Giorgia Meloni si è espressa sul nuovo invio di armi all’Ucraina, riscontrando l’opposizione del Movimento cinque stelle, e dunque rivolgendosi al senatore grillino Pietro Lorefice ha affermato, con perfido sarcasmo: “Si può proporre un Reddito di cittadinanza ai russi per convincerli a ritirare le truppe?”. Battuta non proprio originale, ma certo efficace. Efficace al punto che, nell’aula dell’altro ramo del parlamento, la deputata calabrese Vittoria Baldino, alla seconda legislatura e volto noto dei talk politici, ha chiesto la parola per stigmatizzare quanto appreso dalle agenzie di stampa, ovvero il diverbio Meloni/Lorefice. (Continua a leggere dopo il VIDEO)

La stessa onorevole pentastellata ha pubblicato sul suo profilo Twitter il video che presenta un sapiente montaggio delle immagini del Senato, segnatamente le affermazioni incriminate di Giorgia Meloni, e della Camera, con la sua strenua difesa del Reddito di cittadinanza, che è andata un po’ sopra le righe. Apriti cielo: Vittoria Baldino l’ha presa davvero male. La presidente del Consiglio “renda conto di queste parole indegne perché pare che qui sia scambiato Palazzo Chigi con un teatro di cabaret”, è stato l’avvio del suo intervento. Ancora più succoso il resto: “Vergognoso” banalizzare così, sostiene Baldino, per la quale Meloni “ha ridicolizzato la guerra, i negoziati di pace e le persone che sono in difficoltà” in un sol colpo. (Continua a leggere dopo la foto)

Facciamo sommessamente notare ai Cinque stelle che anche loro hanno votato per l’invio delle armi in Ucraina al principio del conflitto. Gli aiuti militari a Kiev sono stati decisi dal precedente Governo, con una maggioranza a guida M5S, come peraltro non ha mancato di sottolineare Giorgia Meloni. E ricordiamo pure quando, con scarse doti diplomatiche, l’allora ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, definì Putin “peggio di un animale”.

Ti potrebbe interessare anche: Lo scatto che inguaia la “nuova”leader della sinistra: “Moralisti e ipocriti!” (FOTO) – Il Paragone