in

Ilva, tamponi gratis per i non vaccinati: ma allora, udite udite, si può fare!

Il 15 ottobre è ormai alle porte, segnato dalle rabbiose proteste di chi non accetta di piegarsi ai ricatti del governo Draghi e mostrare quotidianamente il Green pass per andare a lavoro, pena l’impossibilità di svolgere la propria professione e percepire lo stipendio. Un’ingiustizia che vede gli italiani, da Nord a Sud, ribellarsi e chiedere, piuttosto, che vengano introdotti tamponi gratis per i dipendenti non vaccinati. Come sta già in realtà accadendo da più parti, anche se la stampa mainstream tende a parlarne poco e niente.

Ilva, tamponi gratis per i non vaccinati: ma allora, udite udite, si può fare!

Acciaierie di Italia, la società partecipata da ArcelorMittal e Invitalia, pagherà ad esempio il tampone ai circa 1.600 dipendenti non vaccinati nello stabilimento di Taranto. Come racconta Il Mattino, l’operazione prenderà il via il 15 ottobre, data in cui il Green pass diventerà obbligatorio per tutti. L’azienda, spiegano i sindacati metalmeccanici, “si farà carico dei lavoratori non vaccinati che potranno effettuare il tampone dal lunedì al sabato dalle 8 alle 20 e domenica dalle 9 alle 14 nella farmacia Clemente nel rione Tamburi, con la quale è stata firmata una convenzione”.

Che fosse l’azienda a farsi carico delle spese per i test degli operi era d’altronde una richiesta avanzata dai rappresentanti dei lavoratori già nei giorni scorsi. Gli stessi sindacati spiegano che Acciaierie d’Italia ha annunciato anche che chi ha il Green pass avrà “accesso regolarmente attraverso un varco riservato” mentre per tutti coloro che hanno il certificato provvisorio grazie all’esecuzione del tampone “entreranno da un altro varco”.

Perché, allora, un simile trattamento non può essere esteso a tutte le realtà italiane? Perché si continuano a spendere soldi per tenere in piedi l’enorme macchina della campagna vaccinale, nonostante i numeri ormai in netto calo degli italiani che si sottopongono alla somministrazione, e non si effettuano controlli gratuiti nelle aziende pubbliche? Perché non si dà la possibilità ai privati di organizzarsi a loro volta in questa direzione? Domande alle quali Draghi preferisce non rispondere. Deciso a calpestare ancora e ancora i diritti dei cittadini.

Ti potrebbe interessare anche: “Non si può discutere né di guerra, né di identità sessuale…”

“Estremisti e irresponsabili.” La Bellava a ruota libera su portuali e no green pass

Portuali contro il Green pass: “Scordatevi i regali di Natale. Piegheremo il governo”