in

Green pass, il governo ora vuole multe da capogiro per chi non ce l’ha: quanto si paga

Pubblicato il 17/07/2021 13:27

Non sanno più cosa inventarsi per obbligare gli italiani a vaccinarsi. E proprio mentre da tutto il mondo arrivano notizie, storie e studi che stanno smontando via via l’efficacia dei vaccini e la loro “buona” natura, il governo italiano pensa addirittura di imporre una multa a chi non abbia il Green pass, ossia a coloro che non hanno effettuato il vaccino. Un’obbligatorietà indotta, insomma. Per entrare in tutti i luoghi pubblici a rischio assembramento bisognerà infatti avere il famigerato Green pass, altrimenti scatteranno le multe. E a quando ammontano? (Continua a leggere dopo la foto)

Stando a quanto scrive HuffingtoPost, “cinque giorni di chiusura per i gestori e 400 euro per i clienti sprovvisti di certificazione verde, ridotti a 260 se si paga entro il quinto giorno. Il governo sta lavorando a un decreto ad hoc che potrebbe veder la luce già la settimana prossima”. Il Green pass servirà per “viaggiare a lunga percorrenza, in particolare quando si dovrà salire su treni, aerei e navi mentre non dovrebbe essere obbligatorio per i brevi spostamenti e per il trasporto pubblico locale, come a esempio metro e bus”. (Continua a leggere dopo la foto)

Inoltre dovrà essere presentato all’ingresso quando si vuole entrare in un cinema, a teatro o in una sala da concerto, frequentare una palestra, una piscina, una discoteca — se e quando riapriranno — fare shopping in un centro commerciale, andare allo stadio a vedere la partita. (Continua a leggere dopo la foto)

Per bar e ristoranti invece nulla ancora di deciso. Nella maggioranza infatti si continua a discutere, con Lega e Forza Italia contrari all’obbligo mentre a Pd e Leu non dispiacerebbe. Scettici i 5 stelle. Unica forza in parlamento esplicitamente contraria e sulle barricate è ItalExit.

Ti potrebbe interessare anche: L’Università di Milano esclude e caccia i non-vaccinati dagli alloggi. Il Regime avanza

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Il micidiale cromo esavalente nel cantiere Tav: la denuncia del sindaco ItalExit

“La percezione del mondo come spazio omogeneo, visibile e…”