Vai al contenuto

L’incredibile intervento di Elly Schlein: ecco dove e come ci tasseranno

Pubblicato il 26/05/2023 10:08 - Aggiornato il 26/05/2023 11:01

Tra le idee care alla sinistra italiana, ce n’è una in particolare che sembra non passare mai di moda, pronta a essere rispolverata durante ogni stagione politica: una nuova tassa patrimoniale. Ipotesi caldeggiata, a turno, da quasi tutti i segretari e gli esponenti di spicco del Partito Democratico nel corso degli ultimi anni. Ultima in ordine cronologico la neo eletta Elly Schlein, evidentemente non immune al fascino di questa chimera. In occasione del Festival dell’Economia, la leader dem si è infatti lanciata in un lungo discorso dietro al quale, tra mille giri di parole, si nascondeva la solita, vecchia proposta: “Per riuscire a rendere più equo e progressivo il sistema bisogna fare degli interventi. Dobbiamo aumentare la progressività”. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Arriva la patrimoniale europea: l’Ue getta la maschera e prepara l’assalto ai nostri risparmi

Elly Schlein lancia l’idea di una nuova patrimoniale

“La tassazione alle imprese e sul lavoro va ridotta – ha precisato Elly Schlein – ma mentre la si riduce si deve pensare perché le tasse sulle rendite fiscali e immobiliari è così bassa, si può dire? Non possiamo negare che siamo in Paese con la tassazione sulle successioni più iniqua e bassa, si può dire o no? Da qualche punti i conti devono tornare. Il nostro faro sono progressività e redistribuzione”. (Continua a leggere dopo la foto)

elly schlein patrimoniale

Un giro di parole degno delle migliori “supercazzole” del film Amici Miei di Mario Monicelli. Dietro il quale non è difficile intravede l’ennesima dichiarazione d’amore verso la patrimoniale. E d’altronde ai tempi della campagna elettorale per la segreteria dem, quando sfidava Stefano Bonaccini, Schlein aveva chiarito: “In una riforma fiscale complessiva anche il tema dei ‘grandi patrimoni’ deve essere affrontato in un’ottica redistributiva”. (Continua a leggere dopo la foto)

Soltanto poche settimane fa, inoltre, il Pd aveva presentato insieme al resto del gruppo socialdemocratico una serie di emendamenti a una risoluzione dell’Europarlamento. Chiedendo, in un punto, più tasse per “gli individui e le famiglie più ricchi, per motivi di uguaglianza sociale ed economica”. Ponendo l’accento “sull’importanza di forme progressive di tassazione”. Insomma, i dem non perdono occasione per ricordare agli italiani la loro ricetta, quella di sempre: una nuova tassa patrimoniale. Appetitosa, e parecchio, anche per Elly Schlein.

Ti potrebbe interessare anche: “Una patrimoniale mascherata”. Le proposte di Elly Schlein a Che Tempo Che Fa: esplode la rabbia social degli italiani